Bonus registratore di cassa 2023 al via: cos’è e come funziona

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato le istruzioni da seguire per richiedere il bonus registratore di cassa, un credito di imposta che viene riconosciuto ai commercianti che affrontano spese per adeguare il proprio registratore telematico di emissione di scontrino fiscale con la tecnologia necessaria per partecipare alla nuova Lotteria degli Scontrini istantanea. Vediamo insieme tutti i dettagli.

man-paying-with-nfc-technology-on-mobile-phone-min

Sono state rese note le istruzioni per domandare il bonus registratore di cassa 2023, rivolto ai commercianti al minuto che devono adeguare i propri registratori di cassa telematici alla nuova Lotteria degli Scontrini istantanea.

Vediamo nel seguente articolo come funziona la misura e in che modo è possibile richiederla.

Bonus registratore di cassa 2023: di cosa si tratta?

woman-paying-bill-through-smartphone-using-nfc-technology-min

Sono state pubblicate sul sito dell’Agenzia delle Entrate le regole da seguire per beneficiare del bonus rivolto ai commercianti che devono adeguare i propri registratori di cassa telematici alla nuova Lotteria degli Scontrini istantanea, che farà il proprio esordio all’inizio del 2024.

Per produrre i codici bidimensionale della nuova Lotteria degli Scontrini, infatti, saranno necessari i nuovi modelli dei registratori telematici e dei ServerRT che permettono al cliente di sapere subito se ha vinto, trasmettendo contemporaneamente all’Agenzia delle Entrate i seguenti dati:

  • data e ora dello scontrino;
  • identificativo/progressivo completo dello scontrino fiscale;
  • identificativo del punto cassa, in caso di server RT;
  • importo pagato, importo del corrispettivo pagato in contanti, importo pagato con strumenti elettronici ed eventuale importo del corrispettivo non pagato;
  • denominazione del cedente/prestatore;
  • codice lotteria del cliente.

La misura, introdotta dal decreto Aiuti quater, è destinata ai commercianti al minuto e prevede un credito d’imposta pari al 100% della spesa, fino ad un massimo di 50 euro per ogni strumento, da potersi utilizzare esclusivamente in compensazione nel Modello F24.

Entro quando adeguare i registratori

Come comunicato dall’Agenzia delle Entrate, i registratori di cassa telematici dovranno essere conformi entro la scadenza del 2 ottobre 2023.

La stessa Agenzia ha fornito le specifiche tecniche che dovranno essere tenute in considerazione per i nuovi modelli immessi sul mercato (non solo dei registratori telematici ma anche dei server RT). Le apparechiature già installate dovranno essere configurate per permettere la generazione del codice bidimensionale che permetta la partecipazione alla lotteria istantanea

Lascia un commento