Bonus Renzi: chi lo avrà anche nel 2022?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
04/12/2021

E’ atteso oggi il Consiglio dei Ministri che approverà la riforma sulla nuova IRPEF, ponendo un importante cambiamento nel mondo fiscale. Vi è incertezza anche sul destino del bonus Renzi in busta paga: vediamo a chi spetterà anche nel 2022.

mario-draghi-1

Il destino della nuova IRPEF, il cui Cdm di oggi ne confermerà l’attuazione, si lega inevitabilmente anche al bonus Renzi. La previsione di quattro aliquote invece che cinque e l’allargamento della no-tax area, influirà sulla distribuzione del bonus Renzi in busta paga.

Nel seguente articolo cercheremo di capire a quali contribuenti spetterà anche nel 2022 il bonus Renzi e quali sono le novità in relazione alla nuova IRPEF.

Bonus Renzi: a chi spetterà nel 2022?

Tasse

Vediamo a chi continuerà a spettare il bonus Renzi in busta paga nel 2022. Innanzitutto va specificato che il nome è stato modificato nel 2020: il taglio del cuneo fiscale ha modificato il nome in “trattamento integrativo“. L’erogazione di tale somma è molto gradita e diffusa tra gli italiani, infatti lo percepiscono ben 16 milioni di lavoratori, i quali si trovano tra le fasce di reddito 8174 e 40000 euro.

Con l’approvazione della nuova IRPEF però cambieranno i beneficiari del bonus: si abbasserà di molto il range di cittadini che ne usufruirà, in quanto si partirà dai soliti 8174 euro di reddito, fino ad arrivare a 15000. Coloro che si trovano al di sopra non ne potranno usufruire.

Bonus Renzi: cosa cambia con l’ampliamento della no-tax area?

tasse calcolo

Come detto, oltre all’IRPEF vi saranno novità anche riguardo alla no-tax area, che sarà allargata ad una platea maggiore di contribuenti. Attualmente si utilizzano i seguenti limiti di reddito per stabilire quale sia la no-tax area:

  • lavoratori dipendenti è 8.145 euro annui;
  • pensionati 8.130 euro all’anno;
  • lavoratori autonomi è fissata a 4.800 euro annui.

Con la riforma dovrebbero essere modificate le soglie, si andrà oltre gli 8000 euro per i lavoratori e oltre i 5500 euro per i pensionati.

Dettagli più accurati sono comunque attesi oggi dopo il Cdm su cui si discuterà proprio di queste tematiche.