Bonus revisioni auto 2022: novità e limiti di utilizzo

Il bonus revisione auto ha avuto ufficialmente il via il 3 Gennaio ed è stato previsto dal governo Draghi per far fronte ai rincari che ogni anni affliggono gli automobilisti. Vediamo insieme in cosa consiste il bonus revisione auto, quali sono i requisiti e quante volte si può utilizzare. 

Automobili

L’aumento generale dei prezzi ha coinvolto inesorabilmente anche il settore delle revisioni auto, che stanno causando problemi agli automobilisti. La procedura di revisione dell’automobile va fatta quattro anni dopo la prima immatricolazione, in seguito con cadenza biennale. L’aumento del costo ammonta a circa 12,14 euro, stando a quanto comunicato dal Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili.

Per questo motivo il governo ha deciso di intervenire in favore degli automobilisti con un apposito bonus: scopriamo insieme di cosa si tratta.

Bonus revisione auto 2022: ecco cos’è la nuova agevolazione per automobilisti

auto-mechanic-checking-car-min

Il bonus ha avuto il via ufficiale il 3 Gennaio 2022, con l’attivazione di una piattaforma online apposita denominata “Buono veicoli sicuri“. Iscrivendosi a tale piattaforma ed effettuando la domanda, sarò restituita la parte dell’aumento del costo decurtata dell’IVA, ossia 9,95 euro.

Potranno accedervi coloro che hanno effettuato una revisione a partire dallo scorso 1° Novembre 2021, e tale bonus avrà valenza per tre anni, dunque fino al 2025. In molti si chiedono però se l’utilizzo del bonus è valido una volta soltanto, o può essere utilizzato più volte.

Bonus revisione auto: quante volte può essere utilizzato?

Automobili

Vediamo ora quanti utilizzi sarà possibile effettuare per ogni veicolo. Stando alle disposizioni del bonus, per un solo veicolo il bonus potrà essere utilizzato una e una sola volta.

Per presentare domanda, sarà necessario essere in possesso dell’identità digitale SPID o in alternativa della carta nazionale dei servizi (Cns).La domanda dovrà essere compilata esclusivamente online, senza ricorrere a metodi obsoleti. Oltre all’identità digitale, sarà necessario allegare un documento che attesti l’avvenuta revisione.

In caso di esito positivo della richiesta, il saldo del bonus sarà inviato sul conto corrente del richiedente.

Lascia un commento