Bonus ristrutturazione 2023: cos’è, come funziona e novità

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
02/01/2023

Il bonus ristrutturazione è stato prorogato fino al 2024 dalla nuova Legge di Bilancio. Vediamo insieme di cosa si tratta, come funziona la misura e se la Manovra ha introdotto delle novità in merito.

Bonus ristrutturazione 2023: cos’è, come funziona e novità

Il bonus ristrutturazione è stato prorogato dalla Legge di Bilancio 2022  fino al 2024 senza subire modifiche ai requisiti e ai parametri previsti. Stiamo parlando di una delle agevolazioni più richieste dai cittadini per gli interventi effettuati all’interno delle case e si tratta di una detrazione fiscale pari al 50% per un massimo di spesa pari a 96.000 euro.

Vediamo insieme cos’è e come funziona la misura.

Bonus ristrutturazione 2022: cos’è

crop-hand-holding-house-near-coins (1)-min

Il Bonus ristrutturazione è una detrazione del 50% applicabile sulle spese effettuate fino al 31 dicembre 2024 in merito ai lavori in casa per un massimo di 96.000 euro.

È possibile usufruire in tre modi dell’agevolazione, ossia tramite: detrazione in 10 anni nella propria dichiarazione dei redditi; cessione del credito a terzi, banche comprese; sconto in fattura, in accordo con l’impresa che ha effettuato i lavori.

Tutti i contribuenti soggetti al pagamento delle imposte sui redditi, residenti o non residenti in Italia possono beneficiare della misura:

  • proprietari o nudi proprietari;
  • titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
  • locatari o comodatari;
  • soci di cooperative divise e indivise;
  • imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce;
  • soggetti che producono redditi in forma associata, alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

I lavori ammessi

house-167734_1920

I lavori su cui il bonus ristrutturazione è applicabile sono:

  • di manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia;
  • necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi;
  • relativi alla realizzazione di autorimesse o posti auto;
  • finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche;
  • relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi, come cancelli, grate, porte blindate, ecc..);
  • finalizzati alla cablatura degli edifici e al contenimento dell’inquinamento acustico;
  • per il conseguimento di risparmi energetici;
  • per l’adozione di misure antisismiche;
  • di bonifica dall’amianto e opere per evitare gli infortuni domestici;
  • riparazione di impianti per la sicurezza domestica:
  • di installazione di apparecchi di rilevazione di gas;
  • per il monitoraggio di vetri anti-infortunio;
  • di installazione corrimano;
  • per la sostituzione di porte interne.