Bonus sanificazione 2022: cos’è, a chi spetta e domanda

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
09/11/2022

Fino al 7 dicembre sarà possibile presentare domanda per accedere al bonus sanificazione. Vediamo insieme di cosa si tratta, chi può richiederlo e come fare domanda.

people-disinfecting-biohazard-area

Il bonus sanificazione è l’agevolazione che spetta a società sportive professionistiche e società e associazioni dilettantistiche per la copertura delle spese sanitarie, di sanificazione, prevenzione e per i tamponi COVID.

Secondo il DPCM del 3 ottobre 2022, pubblicato il 7 novembre, le domande potranno essere presentate fino al 7 dicembre, data fissata per la scadenza.

Vediamo insieme di cosa si tratta e come fare domanda.

Bonus sanificazione: cos’è

rubber-gloved-hand-holding-white-spray-bottle

Il bonus sanificazione consiste in contributi a fondo perduto a ristoro delle spese sanitarie, di sanificazione e prevenzione e per i test diagnostici per il COVID e spettano a società sportive professionistiche e società ed associazioni sportive dilettantistiche.

Tra i requisiti previsti per accedervi, è stato stabilito che quest’ultime siano iscritte al registro nazionale delle attività sportive dilettantistiche, istituito presso il Dipartimento per lo sport ai sensi del Dlgs n. 39/2021.

Nello specifico, il bonus copre le spese effettuate tra il 1° febbraio 2020 e il 31 marzo 2022 per:

  • la somministrazione di tamponi, sia antigenici che molecolari;
  • la sanificazione degli ambienti in cui si svolgono le attività;
  • l’acquisto di prodotti detergenti, disinfettanti e di dispositivi di protezione individuale;
  • l’acquisto di altri dispositivi di sicurezza come termometri, termoscanner, tappeti e vaschette decontaminanti e igienizzanti, colonnine automatiche per gel igienizzante, gel igienizzante, incluse le eventuali spese di installazione;
  • barriere e pannelli protettivi, incluse le eventuali spese di installazione;
  • la somministrazione di test sierologici per la ricerca di anticorpi anti SARS-CoV-2;
  • i costi del personale sanitario specializzato, che non siano già a carico della finanza pubblica.

Inoltre, sono compresi gli accertamenti effettuati a coloro che operano nell’ambito delle attività lavorative e istituzionali esercitate dagli aspiranti beneficiari, quali:

  • Visita medica;
  • Esame clinico effettuato dal Responsabile Sanitario, specialista in Medicina dello Sport;
  • Test da sforzo massimale con valutazione polmonare (test cardio polmonare) e saturazione O2 a riposo, durante e dopo sforzo;
  • Ecocardiogramma color doppler;
  • ECG a riposo;
  • ECG Holter 24hr (inclusivo di una seduta di allenamento o di sforzo);
  • Esame Spirometria Completo (FVC, VC, MVV);
  • Esami ematochimici;
  • Radiologia polmonare: TAC per COVID+;
  • Nullaosta infettivologico alla ripresa (per gli atleti COVID+).

Come fare domanda

people-disinfecting-together-dangerous-area

La domanda per accedere al bonus sanificazione può essere presentata dal 7 novembre 2022 fino al 7 dicembre 2022.

La domanda va inviata agli organismi sportivi di riferimento, Federazioni sportive nazionali, Leghe, Discipline sportive associate o Enti di promozione sportiva e deve contenere l’elenco delle spese sostenute, diviso per singole tipologie di voci, la copia delle fatture e la predetta certificazione.

Successivamente, il Dipartimento per lo Sport procederà con le verifiche dei requisiti e in seguito determinerà l’ammontare dei relativi contributi. Se le domande dovessero superare il limite dei fondi a disposizione, pari a 73 milioni di euro circa, i contributi saranno ridotti proporzionalmente.