Bonus sociale rafforzato 2022: cos’è e a quanto ammonta

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
31/08/2022

Il decreto aiuti bis ha rafforzato il bonus sociale. Ma cosa si intende con “rafforzato”? Si fa riferimento al fatto che la platea dei beneficiari è stata ampliata. Inoltre,  il decreto ha chiarito la retroattività della misura. Vediamo insieme cosa è cambiato.

light-bulb-3104355_1920

Il decreto aiuti bis ha stanziato altri 116 milioni di euro che si aggiungo ai 518 milioni già messi in campo nel corso del 2021 per ridurre gli oneri generali e rafforzare i bonus sociali. Con le nuove risorse, l’esecutivo si pone l’obiettivo di potenziare il bonus sociale per il terzo trimestre. Come? Ampliando la platea di beneficiari della misura.

Vediamo insieme quali sono le principali novità che riguardano il bonus sociale.

Bonus sociale 2022 rafforzato: cosa cambia

entrepreneur-working-with-bills

Il decreto aiuti bis ha rafforzato il bonus sociale innalzando la soglie ISEE da 8.265 a 12 mila euro che determina il diritto all’agevolazione. In tal caso, il beneficio verrà riconosciuto a cominciare da aprile, dato che l’ampliamento della soglia è scattato a partire da questo mese.

Con l’innalzamento del tetto ISEE, sono circa 3,5 milioni le famiglie italiane che hanno diritto al bonus. L’importo si ottiene sotto forma di sconto riconosciuto in bolletta e dipende dai consumi che si raggiungono. In media, il bonus copre tra il 25 e il 30 per cento delle utenze.

Inoltre, il decreto ha chiarito la natura retroattiva del beneficio, secondo cui il bonus sarà garantito da inizio anno per tutti coloro che, nel corso del 2022, raggiungeranno la soglia prevista dallo sconto in bolletta di 8.265 euro: in questo caso, il beneficio sarà attivato a partire da gennaio.

Come fare domanda

isee-online-2020

Per accedere al beneficio è necessario e sufficiente presentare la Dichiarazione sostitutiva unica (Dsu) ogni anno e ottenere un’attestazione di Isee entro la soglia prevista per i bonus. O ancora, risultare titolari di reddito/pensione di cittadinanza. E questo perché dal 1° gennaio 2021, i bonus sociali elettrico, gas e acqua per disagio economico sono riconosciuti automaticamente agli utenti che ne hanno diritto.