Bonus spesa 2021: importi e come funzionano

02/06/2021

Decreto Sostegni bis: ritornano i bonus spesa. Anche nel 2021 le famiglie potranno beneficiare dei voucher per l’acquisto dei beni di prima necessità, per cui sono già stati stanziati 500 milioni di euro. Saranno i Comuni a stabilire, dal 25 giugno in poi, le modalità e i tempi di distribuzione dei bonus.

Tiny family at grocery bag with healthy food

Il decreto Sostegni bis, entrato in vigore lo scorso 26 maggio, ha riconfermato i bonus spesa per il 2021. Le famiglie maggiormente in difficoltà, infatti, potranno beneficiare anche quest’anno di un aiuto da parte dello Stato per l’acquisto dei beni di prima necessità: non si conoscono ancora gli importi precisi, ma secondo le stime i voucher potrebbero arrivare fino a 600 euro mensili a famiglia.

Il Governo Draghi ha già stanziato 500 milioni di euro per tali misure di sostegno: gran parte di questi saranno destinati ai Comuni, ai quali poi spetterà l’onere di distribuirli ai nuclei familiari meritevoli.


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

Vediamo più da vicino modalità e tempi di erogazione dei bonus spesa 2021.

Decreto Sostegni bis: bonus spesa anche nel 2021

volunteers-putting-canned-food-for-donation-in-box

Il Governo Draghi ha deciso di riconfermare i bonus spesa anche per il 2021. I voucher, validi per l’acquisto dei beni di prima necessità, verranno distribuiti alla famiglie successivamente al 25 giugno, data in cui i Comuni riceveranno le risorse stanziate dal decreto Sostegni bis per l’attivazione di questa misura.

Saranno, infatti, gli stessi Comuni a predisporre i bandi di partecipazione e a definire le modalità e i tempi di erogazione dei bonus.

I criteri da rispettare per accedere all’agevolazione dovrebbero rimanere gli stessi applicati lo scorso anno e basati sul numero dei componenti del nucleo familiare e sul relativo ISEE.

Bonus spesa 2021: come funzionano

bags-4543999_1920

Per quanto riguarda l’erogazione dei bonus, dovrebbero essere confermate le due modalità utilizzate nella prima tornata di aiuti e definite dall’ordinanza della Protezione Civile n. 658 del 29 marzo 2020: i Comuni potranno concedere i voucher alle famiglie o, in alternativa, provvedere loro stessi all’acquisto dei beni di prima necessità che verranno poi consegnati direttamente al domicilio dei beneficiari.

Rimangono tuttavia esclusi dalla misura tutti quei nuclei familiari che usufruiscono di altre agevolazioni statali, come per esempio NASPI o Reddito di Cittadinanza.

Bonus spesa 2021: gli importi

coins-1015125_1920


Potrebbe interessarti: I segreti della SIAE

Per quanto riguarda gli importi dei voucher, il decreto Sostegni bis non ha definito con esattezza le varie tranches. Tuttavia, voci di corridoio vedrebbero la conferma dei criteri utilizzati lo scorso anno, quali il numero dei componenti e l’ISEE del nucleo familiare.

Considerando la passata normativa si potrebbero ipotizzare gli importi massimi, che sulla base delle risorse già stanziate arriverebbero a toccare la soglia dei 600/700 euro al mese per le famiglie composte da cinque o più componenti.

Rapportando poi questa cifra alle altre classi, i voucher potrebbero avere i seguenti importi:

  • 200 euro per i nuclei composti da un solo componente;
  • 300 euro alle famiglie con due persone;
  • 400 euro nel caso di tre componenti;
  • 500 euro per le famiglie composte da quattro persone.

Bonus spesa 2021: come fare richiesta

money-3481757_1920

Come detto in precedenza, saranno i Comuni a predisporre i bandi per accedere ai bonus spesa: con tutta probabilità, quindi, le novità saranno pubblicate sulle relative pagine Internet istituzionali a partire dal prossimo 25 giugno, data che coincide con il trentesimo giorno dall’entrata in vigore del decreto Sostegni bis.

Una volta pubblicato il bando, le famiglie potenzialmente meritevoli dovranno poi procedere con l’inoltro della domanda al Comune, che potrebbe avvenire tramite Posta Elettronica Certificata ed insieme alla presentazione della certificazione ISEE e della documentazione familiare.

Per quanto riguarda le scadenze, invece, saranno gli stessi Comuni a decidere il termine ultimo per poter partecipare al bando di assegnazione dei bonus spesa.

 

Luca Paolucci
Laurea in Economia e Management
Laureando in Management Internazionale
Suggerisci una modifica