Bonus sport 2022, nuove domande in autunno: cos’è e quando spetta

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
26/08/2022

Il bonus sport è un’agevolazione che prevede un credito d’imposta a favore delle imprese che hanno effettuato erogazioni liberali per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e per la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche. La seconda fase di domanda aprirà ad ottobre: vediamo tutti i dettagli della misura.

money-3481757_1920

Aprirà il prossimo ottobre la seconda fase di domanda del bonus sport, il credito d’imposta del 65% a favore delle imprese che hanno effettuato erogazioni liberali per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e per la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche.

Vediamo nel seguente articolo come funziona l’agevolazione e quando spetta.

Bonus sport 2022: nuove domande in autunno

money-notepad-and-calculator-on-the-table (1)-min

La prima fase di domanda per ricevere il bonus sport 2022 è terminata lo scorso 30 giugno, ma è già stata fissata una seconda finestra per inviare le istanze dal 15 ottobre al 15 novembre 2022.

L’istanza va inviata all’indirizzo mail [email protected] e, per conoscenza, anche a [email protected], indicando nell’oggetto “Sport Bonus 1a finestra 2022” e inserendo nel messaggio la denominazione dell’impresa e il codice fiscale/partita IVA del richiedente.

Bonus sport 2022: di cosa si tratta

indoors-swimming-pool-min

Il bonus sport, ricordiamo, è un’agevolazione che prevede un credito d’imposta a favore delle imprese che hanno effettuato erogazioni liberali per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e per la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche.

A poter beneficiare del credito d’imposta sono solo ed esclusivamente le imprese, nella misura pari al 65% dell’importo da loro erogato per i lavori realizzati. Il credito può essere utilizzato in tre quote annuali di pari importo.

È previsto, inoltre, un limite massimo all’importo erogabile alle imprese, che non può in nessun caso superare il dieci per mille dei ricavi realizzati dalle stesse nel corso del 2021.