Bonus statali 2022: cosa sono, come funzionano e a chi spettano

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
09/09/2022

Nel Piano per il risparmio energetico diffuso dal MITE, sono previsti anche degli incentivi e dei premi per la Pubblica Amministrazione. Il settore pubblico, infatti, è chiamato a rispondere a una serie di nuove regole per risparmiare su energia e consumi, e per incentivare i dipendenti a rispettare le nuove regole, sono stati introdotti diversi bonus.

bonus-2021-03122021

Con il Piano per il risparmio energetico diffuso dal MITE, il governo ha voluto segnare una tappa importante per raggiungere l’indipendenza energetica dell’Italia e per raggiungere gli impegni di decarbonizzazione per il 2030.

Tra gli interventi previsti, molti riguardano il settore pubblico, come la riduzione del riscaldamento non necessario degli spazi a bassa occupazione, l’ottimizzazione di timer e termostati per il riscaldamento e la riduzione dell’uso, specie nei periodi di punta. D’altronde, la Pubblica amministrazione rappresenta un settore strategico per contribuire al risparmio energetico e dei consumi.

Per incentivare i dipendenti pubblici al rispetto della nuova normativa, l’esecutivo ha deciso di introdurre una serie di incentivi.

Pubblica amministrazione: arrivano i bonus per gli statali

light-bulb-3104355_1920

Il piano anti sprechi che coinvolgerà la Pubblica Amministrazione questo inverno si compone principalmente di due fasi: i controlli, per assicurarsi che le regole vengano rispettate, e la formazione e realizzazione di campagne di sensibilizzazione ad hoc, con premi e incentivi per gli uffici considerati “virtuosi”.

In particolare, per quanto concerne i bonus previsti per “la promozione di un uso intelligente e razionale dell’energia”, sono previsti:

  • formazione e campagna di sensibilizzazione per i dipendenti pubblici;
  • formazione specifica dei dirigenti;
  • collaborazione a una campagna di comunicazione e di informazione diretta alla cittadinanza;
  • collaborazione a una campagna di comunicazione e sensibilizzazione nelle scuole;
  • rinnovo di impianti e apparecchiature;
  • semplificazioni normative e incentivi per l’installazione di impianti fotovoltaici nel patrimonio edilizio pubblico;
  • incentivazione delle comunità energetiche;
  • inserimento di indicazioni specifiche nel Codice di comportamento dei dipendenti pubblici;
  • incentivi e premialità per i dipendenti pubblici; premio PA per l’uso efficiente dell’energia.

Con questo intervento, a partire da adesso, il tema del risparmio energetico e dell’uso intelligente e razionale dell’energia rientra a pieno titolo nel “Codice di comportamento dei dipendenti pubblici”. I dipendenti statali saranno chiamati a partecipare attivamente ai programmi di riduzione e contenimento dei consumi e a impegnarsi quotidianamente per adottare comportamenti orientati all’efficienza energetica.