Bonus trasporti 2022: quando non si può utilizzare lo sconto

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
03/10/2022

È attiva fino al 31 dicembre 2022 la piattaforma per domandare il bonus trasporti, l’agevolazione riconosciuta per il pagamento di abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblico. Vediamo nel seguente articolo i casi in cui non è possibile utilizzare lo sconto.

close-up-passenger-bus

Il bonus trasporti 2022 consiste in uno sconto fino a 60 euro riconosciuto per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto. La piattaforma per domandare il bonus è disponibile fino al prossimo 31 dicembre, salvo esaurimento dei fondi.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono i casi in cui non è possibile richiedere il voucher.

Bonus trasporti 2022: quando non vale

Autobus

Il bonus trasporti 2022 non può essere richiesto:

  • per abbonamenti al servizio di trasporto privato;
  • nel caso in cui la domanda venga fatta da una persona fisica con reddito 2021 superiore a 35.000 euro;
  • per abbonamenti acquistati dopo il 31 dicembre 2022.

Inoltre, non si può usufruire del bonus per gli abbonamenti che prevedono servizi di:

  • prima classe;
  • executive;
  • business;
  • club executive;
  • salotto;
  • premium;
  • working area;
  • business salottino.

Il bonus trasporti 2022, ricordiamo, vale per abbonamenti settimanali, mensili, trimestrali, semestrali o annuali.

Bonus trasporti 2022: di cosa si tratta

bus-gf5f180e69_1920

Il bonus trasporti, ricordiamo, è un’agevolazione introdotta con il decreto Aiuti che prevede l’erogazione di un bonus ad hoc per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblico a favore delle persone fisiche con reddito IRPEF non superiore a 35.000 euro.

Il bonus è pari al 100% della spesa sostenuta, fino ad un massimo di 60 euro, ed è nominativo, non cedibile e utilizzabile per l’acquisto di un solo abbonamento.

La domanda per il bonus può essere inoltrata direttamente sul portale www.bonustrasporti.lavoro.gov.it del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Una volta effettuato l’accesso, bisognerà fornire le necessarie dichiarazioni sostitutive di autocertificazione e indicare:

  • l’importo del buono richiesto a fronte della spesa prevista;
  • il gestore del servizio di trasporto pubblico.