Bonus trasporti 60 euro 2022: cosa succede se non si spende interamente?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
04/09/2022

Dal 1° settembre è possibile presentare domanda per il bonus trasporti e per rispondere ai vari quesiti dei cittadini, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato le FAQ relative all’agevolazione. Vediamo insieme cosa prevede la normativa per quanto riguarda eventuali residui del bonus. 

interior-public-bus-transport

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato le FAQ per quanto riguarda il bonus trasporti 60 euro, l’agevolazione introdotta dal governo per l’acquisto di abbonamenti per mezzi pubblici locali, regionali o per il trasporto ferroviario nazionale.

Tra i vari quesiti a cui il vademecum pubblicato dal Ministero risponde è il seguente: “Cosa succede se non si spende interamente il bonus richiesto?”. Vediamo insieme cosa prevede a tal proposito la normativa.

Bonus trasporti 60 euro 2022: come funziona per più abbonamenti mensili

close-up-passenger-bus

In una FAQ del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali si legge:

Cosa succede se non si spende interamente il bonus richiesto?

Al quesito, il Ministero ha risposto rendendo noto che eventuali residui dell’agevolazione non potranno essere spesi successivamente:

Il buono è valido per un solo acquisto, nel limite del valore richiesto; eventuali residui non potranno essere utilizzati per un successivo acquisto.

Bonus trasporti 60 euro 2022: di cosa si tratta

bus-g028f414f9_1920

Il bonus trasporti consiste in uno sconto dal valore di 60 euro per l’acquisto di un abbonamento ai trasporti pubblici e sarà attivo a partire da domani, 1° settembre e fino al 31 dicembre 2022

La sconto può essere utilizzato per l’acquisto di un solo abbonamento: annuale, mensile o relativo a più mensilità. Sono esclusi i servizi di prima classe, executive, business, club executive, salotto, premium, working area e business salottino.

Il bonus potrà essere richiesto da coloro che nel 2021 hanno avuto un reddito pari o inferiore a 35 mila euro.

Per beneficiare del bonus trasporti bisogna accedere al portale bonustrasporti.lavoro.gov.it  del ministero del Lavoro tramite Spid o Cie, fornendo le necessarie dichiarazioni sostitutive di autocertificazione e indicando l’importo del buono richiesto a fronte della spesa prevista, nonché il gestore del servizio di trasporto pubblico.