Bonus trasporti 60 euro 2022: è valido anche per servizi di prima classe?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
28/08/2022

Il bonus trasporti 60 euro 2022 potrà essere richiesto a partire da settembre e fino al 31 dicembre 2022. Il quesito a cui vogliamo rispondere in questo articolo è il seguente: l’agevolazione vale anche per i servizi di prima classe?

interior-public-bus-transport

Il decreto aiuti ha introdotto il bonus trasporti 60 euro, un’agevolazione che permette di ottenere uno sconto sugli abbonamenti per i mezzi di trasporto pubblici, quali autobus, treni e metropolitane.

In molti si chiedono se il bonus possa essere utilizzato anche per acquistare servizi di prima classe. Vediamo insieme cosa prevede la normativa in merito.

Bonus trasporti 60 euro 2022: cos’è

bus-g028f414f9_1920

Il bonus trasporti consiste in uno sconto dal valore di 60 euro per l’acquisto di un abbonamento ai trasporti pubblici e sarà attivo a cominciare da settembre e fino al 31 dicembre.

Il bonus potrà essere richiesto da coloro che nel 2021 hanno avuto un reddito pari o inferiore a 35 mila euro. Il buono è spendibile presso un solo gestore e deve essere utilizzato entro il mese di emissione, presentandolo alle biglietterie del gestore selezionato.

Bonus trasporti 60 euro 2022: vale anche per i servizi di prima classe?

rear-view-blond-woman-waiting-train-platform

La sconto previsto dal bonus trasporti 60 euro 2022 può essere utilizzato per l’acquisto di un solo abbonamento: annuale, mensile o relativo a più mensilità.

Sono esclusi i servizi di prima classe, executive, business, club executive, salotto, premium, working area e business salottino.

Come fare domanda?

freelance-young-businesswoman-casual-wear-using-laptop-working-in-living-room-at-home-min

La domanda per il bonus trasporti 60 euro 2022 può essere presentata fino al 31 dicembre 2022.

Per fare richiesta è necessario accedere al portale bonustrasporti.lavoro.gov.it (non ancora attivo) del ministero del Lavoro tramite Spid o Cie, fornendo le necessarie dichiarazioni sostitutive di autocertificazione e indicando l’importo del buono richiesto a fronte della spesa prevista, nonché il gestore del servizio di trasporto pubblico.

Secondo quanto comunicato dal ministero, il portale sarà online nelle prossime settimane. Il portale è necessario per validare il bonus, poiché il gestore vi accederà per verificare la validità della richiesta prima di emettere l’abbonamento.