Bonus verde: proroga, a chi spetta e come funziona

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
25/12/2021

La Legge di Bilancio 2022 contiene al proprio interno la proroga fino al 31 dicembre 2024 del bonus verde, o bonus giardini, l’agevolazione che prevede una detrazione fiscale del 36% sulle spese sostenute per interventi straordinari di rifacimento di terrazzi, giardini e aree scoperte. Vediamo i dettagli della misura.

beautiful-home-gc3e7124f0_1920

La Legge di Bilancio 2022 ha confermato il bonus verde, l’agevolazione fiscale valida per le spese sostenute per gli interventi straordinari di rifacimento di giardini e terrazzi e per la sistemazione a verde di aree all’aperto, disponendo la proroga della misura fino al 31 dicembre 2024.

La detrazione Irpef del 36% può essere richiesta su un limite massimo di spesa di 5.000 euro per ogni unità immobiliare: vediamo insieme quali spese possono essere ricomprese nel bonus e chi può beneficiarne.

Bonus verde prorogato al 2024

architecture-geaf527217_1920

Il bonus verde, introdotto nel 2018, è stato confermato anche dalla Legge di Bilancio 2022, che ne ha disposto la proroga fino al 31 dicembre 2024.

La misura consiste in una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per interventi straordinari di rifacimento di terrazzi, giardini e aree scoperte. Nello specifico, gli interventi per cui è possibile beneficiare del bonus sono i seguenti:

  • sistemazione a verde di aree all’aperto private di edifici e unità immobiliari già esistenti;
  • recinzioni;
  • impianti di irrigazione;
  • realizzazione di pozzi;
  • sostituzione di siepi;
  • grandi potature;
  • realizzazione di coperture a verde e giardini pensili;
  • recupero del verde di giardini di interesse storico.

Bonus verde: importi chi può utilizzarlo

money-2665824_1280

Possono fare richiesta per il bonus verde tutti coloro che possiedono o detengono l’immobile oggetto dei lavori e che hanno sostenuto direttamente le spese: oltre ai proprietari dell’abitazione, quindi, possono beneficiare della detrazione anche affittuari, comodatari e chiunque sia titolare di un diritto reale di godimento sull’immobile oggetto di intervento.

Il bonus, come detto, può essere richiesto per lavori dal valore massimo di 5 mila euro: la detrazione, quindi, sarà pari ad un importo non superiore a 1.800 euro per ogni unità immobiliare e verrà ripartita in dieci quote annuali della stessa misura.

Per poter beneficiare del bonus, per ultimo, si ricorda che i pagamenti delle spese sostenute devono avvenire esclusivamente tramite mezzi che consentano la tracciabilità delle operazioni.