Borsa oggi: apertura di settimana contrastata

In attesa di capire quali saranno le indicazioni della Federal Reserve, l’inizio di settimana per i principali listini europei è abbastanza contrastato: Milano apre la seduta in negativo. Situazione incerta anche sul fronte asiatico: risale Tokyo (+0,36%), ma scende Shanghai. 

blur-1853262_1920

L’attenzione, durante questa settimana, sarà concentrata tutta sulle decisioni prese dalla Federal Reserve: dopo il vertice della Bce che è andato in scena sul finire della scorsa settimana, questi giorni saranno importanti per capire se dalla riunione della Fed emergeranno nuove indicazioni sulla ripresa economica. Il vertice avrà luogo mercoledì, e vedremo in che modo riuscirà a influenzare l’andamento dei mercati.

Negli Stati Uniti, poi, c’è apprensione per una nuova riforma che Joe Biden starebbe portando avanti sulla tassazione dei redditi più elevati (quelli che superano un milione di dollari potrebbero avere un’aliquota che sfiora la soglia del 40%): una misura che ha messo in allarme gli investitori, parzialmente rassicurati solo dalla speranza che questa manovra dovrà essere approvata anche dal Parlamento, seguendo una numerosa serie di passaggi burocratici.


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

In ogni caso, l’apertura dei principali listini europei è contrastata: Piazza Affari inizia la settimana in negativo, con un -0,25%, così come Parigi che fa segnare un -0,2%. Situazione diversa per Francoforte, che inizia in positivo, con un +0,2%.

Borsa oggi: i dati macroeconomici

Progetto senza titolo – 2021-03-06T102722.321

Sarà una settimana interessante per quello che riguarda i dati macroeconomici in arrivo: non solo si attende la pubblicazione dell’indice tedesco Ifo per il mese corrente, ma verranno pubblicati numeri importanti per quanto riguarda la ripresa economica del continente. In particolare, si attende di capire con che velocità sta crescendo il Regno Unito: secondo Goldman Sachs, la stima sarà del +7,8%, dato più alto anche rispetto a quello degli Stati Uniti.

Per quello che riguarda il mercato dei cambi, l’euro è stabilmente sopra la quota di 1,21 dollari. 

Sul fronte asiatico si conferma una settimana contrastata: se Tokyo chiude la prima seduta con un incoraggiante +0,36%, dopo i risultati altalenanti fatti registrare nelle ultime giornate, che hanno visto crolli e rialzi, lo stesso non si può dire per Shanghai, al ribasso, così come Hong Kong.

In lieve risalita il prezzo del petrolio, mentre fa registrare cifre da record il rame.