Borsa oggi: avvio cauto in prima seduta

L’avvio della Borsa in questa prima seduta della settimana è stato abbastanza prudente da parte degli investitori: Piazza Affari apre in calo, con grande pressione sui titoli finanziari. Il prezzo del greggio è in calo dopo le notizie arrivate sullo sblocco della situazione legata al Canale di Suez. 

Progetto senza titolo – 2021-03-06T102606.255

Apertura incerta per la prima seduta della settimana, con Piazza Affari che apre con il segno meno (-0,16%): sul rendimento dei listini europei pesa in particolar modo l’andamento negativo del settore finanziario. Tutto ha avuto inizio con le numerose vendite del colosso Archegos Capital Management, che dalla fine della scorsa settimana ha inciso sul crollo di molti titoli di Wall Street, che nel complesso aveva terminato la seduta sempre con segno positivo.

Oggi, i titoli bancari europei fanno registrare tutti un forte calo, partendo da Credit Suisse e arrivando fino a Piazza Affari con Unicredit che perde lo 0,86%, Intesa Sanpaolo sotto dello 0,56%, e Bper Banca e Banco Bpm sempre in negativo. A Milano, tra i titoli che invece hanno fatto segnare un risultato positivo nell’apertura di seduta, ci sono Dibasorin (+0,71%), Nexi e Campari.


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

Nel mercato del cambio, euro ancora debole rispetto al dollaro: sul rapporto incide in particolar modo l’andamento del piano vaccinale che sta proseguendo con successo negli Stati Uniti mentre sta rallentando in Europa.

Borsa: prezzo del greggio al ribasso

Progetto senza titolo – 2021-03-02T122219.818

Sul fronte internazionale, va segnalato che, date le notizie che stanno arrivando dal Canale di Suez sul possibile sblocco della situazione legata alla nave che è ormai incagliata da giorni bloccando così il traffico, il prezzo del greggio fa segnare un calo: il greggo Wti, in ribasso del 2,2% arriva a 59,2 dollari al barile, e anche il Brent fa segnare lo stesso risultato, arrivando a 63,9 dollari (-1,9%).

Atteso poi per giovedì l’incontro tra i paesi dell’Opec+, che dovranno definire nuove linee guida per quello che riguarda la produzione nei prossimi mesi: ciò che uscirà dal vertice sarà ovviamente fondamentale per capire in che direzione si andrà.

Anche a Tokyo, dove il risultato della seduta è stato positivo (+0,71% per l’indice Nikkei), si registra un crollo delle azioni della banca di investimento Nomura, che nella giornata di ieri ha fatto registrare perdite pari al 16,3%: questa situazione sarebbe stata influenzata proprio dalle vendite dell’Archegos Capital Management.