Borsa oggi: cautela in apertura, Tokyo positiva

Le Borse aprono con molta prudenza la seduta odierna: in Europa c’è attesa per le decisioni, in materia di campagna vaccinale, del Consiglio Europeo, oltre che per il vertice della Bce. Ancora in calo il prezzo del petrolio, mentre a Piazza Affari inizia molto bene la giornata il colosso Tim. 

borsa finanza

Dopo la chiusura di ieri, ancora negativa per i principali indici europei, la giornata di oggi si apre con una certa prudenza da parte degli investitori: a trainare la Borse sono state in particolar modo i titoli del settore dell’energia e delle materie prime, in contrasto invece con un settore tecnologico che fa registrare delle battute d’arresto importanti.

A Piazza Affari, dopo un’apertura che aveva fatto registrare un -0,3% per l’Ftse Mib, l’indice si attesta sul -0,09% sostenuto da Tim, che, dopo le dichiarazioni del ministro Giorgetti che ha incentivato la realizzazione della rete unica il più presto possibile, ha guadagnato l’1,8%.


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

In Europa, poi, continua a tenere banco la questione legata alla campagna vaccinale: la riunione del Consiglio Europeo di oggi sarà fondamentale per capire in che direzione procedere, così come il vertice della Bce, che indicherà le previsioni per la ripresa economica post-lockdown potrebbe avere la sua influenza, in negativo o in positivo, sulla chiusura della seduta.

Borse oggi: positiva la Borsa di Tokyo

Progetto senza titolo – 2021-03-06T102722.321

Per la prima volta nella settimana, la Borsa di Tokyo fa registrare un risultato positivo, con l’indice Nikkei che ha chiuso a +1,14%, così come il Topix ha guadagnato l’1,4%. Notizia sicuramente molto buona considerando anche il contesto generale degli ultimi giorni, in cui la tensione con gli Stati Uniti si è fatta più forte, e in cui sono riprese anche le ostilità con la vicina Corea del Nord.

Non solo oggi arriveranno delle notizie importanti sul fronte continentale, con il vertice della Bce, la riunione del Consiglio Europeo e con i dati sulla fiducia dei consumatori in Germania, ma ci saranno anche delle indicazioni anche sull’andamento della ripresa economica negli Stati Uniti. Atteso proprio per il primo pomeriggio di oggi, il dato sul Pil del quarto trimestre.

Ancora in calo, invece, il prezzo del greggio, che potrebbe influenzare il rendimento dei titoli del settore energetico che in queste ultime sedute erano riuscite a trainare le Borse, in contrapposizione al comparto tecnologico, al ribasso nell’ultimo periodo.


Potrebbe interessarti: Creative Commons: l’evoluzione dei diritti d’autore