Borsa oggi: Europa in calo

19/03/2021

Le Borse europee, dopo le notizie arrivate nella giornata di ieri, che hanno visto l’inizio di un nuovo lockdown a Parigi, hanno aperto al ribasso, così come hanno fatto registrare un calo sia gli indici statunitensi, sia la Borsa di Tokyo. Nuovo ribasso per il prezzo del petrolio. 

Progetto senza titolo – 2021-03-02T122219.818

Quella di oggi, 19 marzo, non è una seduta come tutte le altre per la Borsa: definita come “la giornata delle quattro streghe”, coincide con il terzo venerdì del mese in cui normalmente scadono diversi contratti derivati. Ciò potrebbe dar vita a una maggiore volatilità sui mercati, fortemente condizionati anche dalle notizie che sono arrivate nella giornata di ieri.

Le Borse europee, infatti, hanno aperto tutte in calo dopo l’annuncio di un nuovo lockdown a Parigi, dovuto all’arrivo della terza ondata in Francia: Piazza Affari (-0,9%), Francoforte (-0,4%), Parigi (-0,7%) e Londra (-1%). Il via libera per Astrazeneca dato dall’Ema potrebbe portare nuovamente fiducia, ma si dovrà attendere la reazione della popolazione e la ripresa a pieno regime dell’attuazione del piano vaccinale.


Leggi anche: Borsa oggi: petrolio in caduta e bolle speculative in Europa

A Milano sarà una giornata importante per Posteitaliane, che ha annunciato un nuovo piano fino al 2024, chiamato “Sustain & Innovate”, prevendendo un aumento dei dividendi del 35%, oltre che l’azzeramento delle emissioni nel 2030 e un investimento complessivo pari a 3 miliardi di euro. Bene, in apertura di seduta, anche Enel (+1,42%).

In leggero rialzo lo spread, che in apertura di seduta tocca i 96,50 punti base, dopo aver chiuso la giornata di ieri poco sopra quota 95.

Borsa oggi: Treasury ai massimi da un anno

Progetto senza titolo – 2021-03-02T122126.999

Per quanto riguarda l’andamento degli indici statunitensi, dopo le parole di Jerome Powell, che ha cercato di rassicurare gli investitori, si registra un dato costante per quello che riguarda il rendimento dei Treasury, che sono ai massimi livelli da oltre un anno.

A Wall Street, complice il ribasso dei titoli sia del settore tecnologico, con il Nasdaq che ha chiuso facendo registrare un -3,02%, sia di quello energetico, chiude in negativo il Dow Jones (-0,46%). Giù anche il prezzo del petrolio, che paga la preoccupazione dovuta a una lenta ripartenza dell’economia, sia negli Stati Uniti che, soprattutto, sul fronte continentale: il Brent scende dello 0,77% a 59,54 dollari al barile, mentre il Wti arriva a 62,80 (-0,76%).

Ilaria Bucataio
  • Laureata in Scienze della comunicazione
  • Esperta in bonus fiscali e detrazioni
Suggerisci una modifica