Borsa oggi: listini europei in cauto rialzo

Ilaria Bucataio
  • Esperta in bonus fiscali e detrazioni
10/05/2021

Nella seduta odierna i listini europei fanno registrare un cauto rialzo, anche se la notizia della giornata è l’attacco informatico subito da uno dei principali oleodotti statunitensi. Continua la corsa delle materie prime, con il rame, l’oro e il petrolio in costante risalita, come accaduto negli ultimi giorni. 

blur-1853262_1920

La seduta di oggi, la prima della settimana, si apre con un risultato positivo per i principali listini europei, che, seppur rimangano sempre su una soglia di cautela, fanno segnare un’apertura in rialzo. Milano è quella che parte meglio, con un deciso +0,45%, mentre per le altre Borse del Vecchio Continente la situazione è più incerta: da Londra, con un leggero +0,1%, passando per Parigi, sotto dello 0,15%, e arrivando fino a Francoforte, praticamente in parità.

A Piazza Affari, in particolar modo, l’attenzione è concentrata su uno dei principali soggetti del settore dei concessionari autostradali: l’Astm, che, secondo al mondo nel suo campo d’azione, ha visto salire il valore delle sue azioni anche in seguito ai movimenti in Borsa che hanno visto protagonista il veicolo Naf2.

Sul mercato dei cambi, rimane stabile la valutazione dell’euro nei confronti del dollaro, a 1, 2157.

Borsa oggi: attacco informatico in Usa

Progetto senza titolo – 2021-03-06T102606.255

La notizia della giornata riguarda l’attacco informatico che è stato subito da uno dei principali oleodotti statunitensi, il Colonial Pipeline: in seguito all’attacco di un malware, potrebbero esserci dei problemi per la fornitura di benzina e carburanti in altri punti nevralgici degli Usa, dal Texas fino a New York. Necessario anche l’intervento della Casa Bianca che sta cercando di scongiurare le conseguenze peggiori.

Sempre rimanendo nell’ambito delle materie prime, il prezzo del petrolio è in rialzo, con il Brent che arriva a 68,63 dollari al barile e il Wti che raggiunge la soglia dei 65, 20 dollari. Continua la sua corsa anche l’oro, che, a 1,838 dollari per oncia, ha raggiunto stabilmente i suoi livelli record negli ultimi tre mesi.

Per quello che riguarda il fronte internazionale, dopo una chiusura più che positiva fatta registrare da Wall Street sul finire della scorsa settimana, anche la Borsa di Tokyo ha fatto segnare un incoraggiante +0,57%. Rimangono comunque presenti le preoccupazioni per la situazione legata alla nuova ondata di contagi nel paese asiatico che, fra poco più di due mesi, dovrà ospitare le Olimpiadi.