Borsa oggi: listini europei in rialzo

Ilaria Bucataio
  • Esperta in bonus fiscali e detrazioni
17/05/2021

In questo inizio di settimana ci sono ancora perplessità per quello che riguarda l’inflazione: si attendono, in particolare, le indicazioni da parte della Fed e della Bce. Nonostante i dati incoraggianti sulla ripresa economica cinese, si registra ancora un risultato negativo per la Borsa di Tokyo. 

Progetto senza titolo – 2021-03-06T102722.321

In questo avvio di settimana continuano a tornare prepotenti le preoccupazioni per quello che riguarda l’inflazione: il timore degli investitori è quello di una costante risalita dei tassi che obbligherebbe a rivedere le misure di sostegno alla ripresa economica. Importanti indicazioni arriveranno sia dalla Fed sia dalla Bce, di cui si attende la riunione del consiglio.

In generale, comunque, i listini europei fanno registrare in questo inizio di settimana un cauto rialzo, facendo ben sperare per i giorni a venire: la migliore è Milano, che guadagna un +0,3%, mentre le altre piazze, da Londra a Parigi, passando per Francoforte, rimangono salde sul dato del +0,2%. 

Lo spread, il differenziale tra il rendimento dei titoli di stato italiani e quelli tedeschi, fa registrare una lieve diminuzione, passando a 120 punti base. Rimane stabile, sul mercato dei cambi, l’euro, fermo a 1,213 dollari.

Borsa oggi: il fronte internazionale

Progetto senza titolo – 2021-03-06T102606.255

Per quello che riguarda il contesto internazionale, arrivano importanti dati per quanto attiene alla ripresa economica cinese: la produzione industriale è cresciuta del 9,8% nello scorso mese di aprile, più lentamente rispetto a quanto fatto registrare nel mese di marzo, ma comunque mostrando un andamento positivo.

Nonostante i buoni dati che arrivano sul contesto asiatico, si segnala anche oggi una giornata negativa per la borsa di Tokyo, che chiude ancora in perdita, con un –0,92%. Bene, invece, i principali listini cinesi, da Shanghai (+0,8%) fino a Shenzhen (+1,12) e Hong Kong (+0,7%).

Per quanto concerne, invece, il settore delle materie prime, in lieve risalita il prezzo del petrolio: la fine della scorsa settimana era stata sicuramente incoraggiante, con un +2,5% fatto segnare solo nella giornata di venerdì. Ora, in questo inizio di seduta, la quotazione rimane più o meno sui livelli raggiunti nei giorni scorsi, anche vista la situazione di grande emergenza che si sta vivendo in Asia.