Borsa oggi: listini europei in rialzo

Nella seduta di oggi arrivano buone notizie per quello che riguarda la Borsa di Tokyo, che ha chiuso in positivo dopo due giornate negative. Grande attesa per le dichiarazioni di Jerome Powell, che si pronuncerà nella giornata di oggi. Stupisce il calo sulla fiducia dei consumatori in Germania. 

blur-1853262_1920

Nella seduta di oggi l’attenzione degli investitori sarà concentrata principalmente sul vertice della Fed, in programma in giornata: le parole di Jerome Powell dovrebbero suonare come una rassicurazione per i mercati. Non sono attese, infatti, novità consistenti nelle misure di sostegno da parte della Fed alla ripresa economica.

In attesa di capire che cosa succederà negli Stati Uniti, i listini europei fanno registrare un avvio di seduta abbastanza positivo, anche se a Piazza Affari si registra un -0,04% per l’FTSE Mib. Avvio in rosso per Saipem, che crolla a -8,17%, forse anche a causa dei risultati pubblicati ieri in relazione al primo trimestre del 2021, dove l’emergenza e la pandemia hanno condizionato fortemente le attività.


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

Stabile lo spread, che si attesta intorno a quota 107 punti, rimanendo sulla scia della giornata di ieri. Torna a salire il dollaro sul mercato dei cambi: l’euro cala a 1,2065, tornando stabilmente sotto la cifra di 1,21, raggiunta nelle scorse sedute.

Borsa oggi: Tokyo riparte

Progetto senza titolo – 2021-03-06T102722.321

Sul fronte asiatico, da segnalare una chiusura positiva per la borsa di Tokyo che, dopo le preoccupazioni per la risalita dei contagi e una crescita sul versante economico che stentava a decollare, aveva vissuto diverse battute d’arresto. Nell’ultima seduta, però, grazie anche allo yen, risultato indebolito nell’ultima giornata, ha fatto segnare un dato positivo, con il Nikkei che ha guadagnato il +0,21%.

In Europa, invece, è arrivato un dato piuttosto sorprendente in relazione alla fiducia dei consumatori in Germania, che è scesa di 8,8 punti, molto più di quanto ci si aspettava. Secondo gli esperti, dopo la nuova risalita dei contagi e nuove chiusure, che sono state applicate in tutta Europa, Germania compresa, i consumatori hanno ridotto la loro fiducia in una rapida ripresa dell’economia.

Risale, intanto, il prezzo del petrolio, influenzato dalle nuove decisioni dell’Opec+: il Wti raggiunge i 63 dollari al barile, mentre il Brent arriva a 66,62 dollari.