Borse oggi: apertura positiva per le Borse europee

Sulla scia della positiva chiusura di ieri di Wall Street, anche le Borse europee nella giornata di oggi aprono con segno più, nonostante si attendano notizie importanti che dovrebbero arrivare dalla riunione della Bce, dove Christine Lagarde comunicherà le decisioni prese in materia di politica monetaria. 

Progetto senza titolo – 2021-03-06T102606.255

All’apertura della seduta odierna, le Borse europee risentono in maniera positiva della chiusura con segno più di Wall Street (+1,5%), che ha fatto registrare anche il record assoluto del Dow Jones. Comunque altalenante la seduta per l’indice Nasdaq, che, dopo aver avuto un vero crollo ad inizio settimana, ha chiuso in negativo (-0,1%) una sessione che lo aveva visto balzare in avanti dell’1,6%.

Anche grazie all’elargizione di circa 1,9 trilioni da parte degli Stati Uniti il mercato ha avuto un andamento nettamente positivo anche in Europa, dove Piazza Affari, che già nella seduta di ieri aveva chiuso con segno più (+0,46%), ha aperto la giornata odierna a +0,54%, sulla scia di ciò che sta accadendo anche nel resto d’Europa.


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

L’euro è in leggera ripresa nei confronti del dollaro, con il cambio che si attesta a 1,1930, in lieve risalita rispetto al dato precedente. Stabile lo spread, con il differenziale tra titoli di stato italiani e tedeschi che rimane sotto i 100 punti base.

Borse: attesa per il vertice della Bce

Progetto senza titolo – 2021-03-06T102722.321

Oggi, intorno alle 14, si riuniranno i vertici della Bce e ovviamente gli investitori hanno gli occhi puntati sulle decisioni che verranno annunciate da Christine Lagarde: secondo le prime indiscrezioni, non dovrebbero arrivare notizie inaspettate su quelle che saranno le misure per la politica moneteria dell’Europa.

Probabile un allargamento degli investimenti per quello che riguarda il Pepp, il piano d’acquisti per l’emergenza pandemica, che potrebbe far risalire i rendimenti: a questo proposito, la Bce potrebbe annunciare come muoversi se questa situazione dovesse verificarsi. Altre fonti, invece, danno per plausibile, piuttosto che un ampliamento del Pepp, l’annuncio di misure che puntino a sfruttarne la flessibilità.

Dati importanti sono arrivati nella giornata di ieri in relazione al mercato asiatico, con il tasso di inflazione in Giappone che ha avuto un rialzo dello 0,4% mensile (a fronte di un 0,7% di rialzo annuo) comunque più basso rispetto alle attese.