Busta paga: come viene calcolata la maggiorazione per chi lavora a Ferragosto?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
16/08/2022

Ferragosto è un giorno festivo e come tale a chi lavoro viene riconosciuta una maggiorazione in busta paga. Vediamo insieme come viene calcolata quest’ultima.

money-1-min

Il 15 agosto è Ferragosto ed è considerato un giorno festivo. Per questo motivo, per molti lavoratori ciò significa un giorno di vacanza in più, ma per altri significa un altro giorno di lavoro, soprattutto per quei settori che in questa giornata lavorano più del solito, come quello turistico.

Tuttavia, essendo un giorno festivo, ciò significa che si guadagnerà una maggiorazione nella propria busta paga. L’aumento dello stipendio dipende da quanto stabilito dal CCNL: vediamo insieme come viene calcolata la maggiorazione.

Busta paga: quanto viene pagato Ferragosto?

money-2

Chi lavora a Ferragosto ottiene una maggiorazione sulla propria busta paga essendo il 15 agosto un giorno festivo. Tale maggiorazione è di tipo percentuale e dipende da quanto stabilito dal CCNL di riferimento.

Per esempio, nel CCNL Commercio è previsto che le ore di lavoro percepisca una maggiorazione del 30% sulla retribuzione, mentre in quello relativo al settore turistico la maggiorazione è del 20%.

Il CCNL Case di Cura Private, invece, stabilisce quanto segue:

Qualora invece nel giorno di festa il lavoratore presti servizio questo ha diritto a un permesso compensativo nei 30 giorni successivi e a un’indennità la cui cifra è stabilità dal CCNL stesso.

Cosa succede invece per chi non lavora? Il giorno festivo viene comunque retribuito in busta paga. Se Ferragosto dovesse cadere di domenica, come accaduto per lo scorso anno, si parla per la maggioranza dei lavoratori di festività non goduta coincidendo con un giorno non lavorativo. La legge 260/1949, infatti, recita all’articolo 5 coma 3:

Qualora la festività ricorra nel giorno di domenica, spetterà ai lavoratori stessi, oltre la normale retribuzione globale di fatto giornaliera, compreso ogni elemento accessorio, anche una ulteriore retribuzione corrispondente all’aliquota giornaliera.

Il calcolo per Ferragosto è differente a seconda che il lavoratore abbia una retribuzione oraria o mensile:

  • nel caso del lavoratore retribuito mensilmente la festività non goduta del 15 agosto viene pagata come 1/26 della sua retribuzione;
  • nel caso del lavoratore pagato a ore la festività viene pagata con una retribuzione dovuta ragguagliata a un sesto dell’orario settimanale.

Se la retribuzione è fissa il lavoratore non ha diritto ad alcun trattamento aggiuntivo, mentre nel caso contrario la retribuzione riconosciuta per il giorno di Ferragosto – se non lavorato – è pari a 1/6 della retribuzione settimanale.

In caso di retribuzione mensile, il lavoratore che solitamente ha 26 giornate corrisposte in busta paga, come accade nel CCNL Commercio, si troverà retribuite al contrario 27 giornate.