Buste paga, premi per gli statali: importi e a chi spettano

10/09/2021

Statali: con il rinnovo del contratto arrivano i premi in busta paga. Questi, tuttavia, riguarderanno solamente certe categorie di lavoratori che rispettano determinati requisiti: vediamo nel dettaglio chi riceverà i premi.

office-with-documents-money-accounts-min

Con il rinnovo del contratto degli statali arriveranno in busta paga i “differenziali stipendiali“, dei premi concessi in base alla competenza e solo a determinate categorie di lavoratori.

I primi a vedersi accreditare questi premi saranno i dipendenti delle Funzioni centrali, che già dal mese di dicembre potrebbero ricevere un aumento di stipendio superiore ai 100 euro lordi.

Ma vediamo meglio tutti i lavoratori statali interessati dai premi.

Statali: in arrivo premi in busta paga

money-1005464_1920

I premi in busta paga riguarderanno in primis le Funzioni centrali, quindi ministeri, agenzie fiscali ed enti pubblici non economici: i dipendenti che operano in questi settori, infatti, già da dicembre 2021 potranno rilevare un aumento del proprio stipendio di 104 euro lordi mensili.


Leggi anche: Tari 2021: come si calcola, chi paga e quando scade

Come detto, i premi verranno concessi sulla base delle competenze dei dipendenti pubblici. Nello specifico riceveranno gli aumenti:

  • chi non ha ottenuto alcuna progressione negli ultimi tre anni;
  • chi non ha subito provvedimenti disciplinari negli ultimi tre anni.

Il dipendente, nel momento in cui ottiene una progressione o è soggetto ad un provvedimento disciplinare, decade automaticamente dal diritto a ricevere il premio.

Rinnovo contratto statali: cosa cambia

Office workers organizing data storage

Con il rinnovo del contratto degli statali cambia anche la gerarchia delle professionalità. Le nuove aree, dalla più alta alla più bassa, saranno le seguenti:

  • alte professionalità che hanno una laurea magistrale e che “svolgono funzioni di elevato contenuto professionale e specialistico, coordinano e/o gestiscono processi articolati”;
  • i funzionari, laureati, che si occupano di presidiare importanti processi;
  • assistenti con diploma che “svolgono fasi del processo in base a direttive di massima e procedure predeterminate”;
  • operatori in possesso di un diploma di scuola superiore che “svolgono attività di supporto strumentale ai processi produttivi e ai servizi”.

 

 

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureando in Management Internazionale
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica