Canone Rai: addio pagamento in bolletta

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
01/12/2021

Il canone Rai sta per cambiare metodo di pagamento, infatti non sarà più addebitato in automatico sulla bolletta dell’energia elettrica. Vediamo quando avverrà questo storico cambiamento e secondo quale modalità avverrà il nuovo metodo di pagamento. 

canone_rai_think_482033884_1600x900

Il canone Rai è una delle tasse obbligatorie più odiate dagli italiani, ai quali in base al possesso di un televisore in casa sarà addebitato in automatico in bolletta della luce il costo annuo del canone. L’importo annuo ammonta a 90 euro e il costo viene pagato mensilmente in quote eque, da Gennaio ad Ottobre.

Vediamo le motivazioni che portano all’abolizione del canone Rai e in che modo sarà possibile pagarlo in futuro.

Canone Rai: le motivazioni dell’addio all’addebito in bolletta

canone-rai-1217

Il canone Rai non sarà più addebitato in automatico in bolletta, questo è quanto previsto da un regolamento della Commissione Europea. Il regolamento mira ad eliminare le piccole tasse incluse nel pagamento delle bollette dell’elettricità e quella del Canone Rai è una di quelle.

Applicare tale norma è uno dei punti cardine per ottenere le somme del Next Generation Fund, che in Italia sono applicate tramite il PNRR. Ad ogni modo per la fine del 2021 e per tutto il 2022 la situazione rimarrà come è ora, il cambio avverrà presumibilmente dal 2023.

Canone Rai: chi sarà esonerato dal pagamento?

rai-logos

Vediamo ora chi non deve pagare il canone Rai, secondo quanto previsto dall’ordinamento italiano. Sono esonerati dal pagamento tutti coloro che:

  • hanno più di 75 anni di età;
  • hanno un reddito non superiore agli 8 mila euro.

A seguito dell’abolizione del pagamento automatico in bolletta, il nuovo metodo di pagamento che verrà adottato sarà verosimilmente quello del bollettino. Così facendo basterà pagare in una unica tranche il canone senza incorrere in sanzioni pecuniarie.

Ma devono ancora essere date notizie ufficiali in tal senso, si attende quindi il decreto del governo che confermerà ciò.