Canone RAI fuori dalla bolletta nel 2022?

28/07/2021

L’Italia ha preso una serie di impegni con l’Unione Europea tramite il PNRR, tra cui la cancellazione dell’introduzione in bolletta di costi che non riguardano in modo diretto l’energia, come il canone RAI. Il disegno di legge elaborato dal MiSE, tra i vari argomenti analizzati, sembra trattare proprio questo. Vediamo cosa prevede il ddl e quando entrerà in vigore.

rai-logosIl ministero dello Sviluppo Economico ha elaborato un disegno di legge sulla concorrenza, di cui è previsto l’arrivo al Consiglio dei Ministri per giovedì 29 luglio. Il documento contiene varie misure indirizzate al rispetto degli impegni presi nel PNRR.

Tra le misure definite, sembrerebbe che sia in corso un ripensamento in merito al pagamento del canone RAI direttamente in bolletta.

Canone RAI: cosa prevede il disegno di legge

what-those-bills-are-mistakeL’Italia ha preso una serie di impegni con L’Unione Europa che riguardano la restituzione di miliardi di prestiti e sovvenzioni previsti per i prossimi anni. Tra questi è prevista la cancellazione dell’obbligo dei venditori di elettricità di prelevare attraverso le bollette dei costi che non riguardano in modo diretto l’energia, tra cui il canone RAI.


Leggi anche: Decreto Sostegni: tagli a Imu, Tari e canone Rai

Alcuni di questi oneri impropri che vengono addebitati tramite bolletta, oltre al canone RAI, sono le agevolazioni tariffarie riconosciute per il settore ferroviario, i costi per la messa in sicurezza del nucleare, il sostegno alla ricerca di sistema e la messa in sicurezza del nucleare.

Sarà il Consiglio dei Ministri a decidere se approvare il disegno di legge del MiSE il 29 luglio, ma, secondo il Messaggero, il cambiamento in relazione al canone RAI potrebbe non avvenire prima della fine del 2022.

La contro-riforma del governo Draghi

entrepreneur-working-with-billsIl pagamento del canone RAI tramite bolletta è stato introdotto da Renzi alla fine del 2015, con l’obiettivo ci contrastare l’evasione fiscale dell’imposta.

In questo modo, ossia introducendo il canone direttamente in bolletta e dividendo l’importo su 10 mesi, è stato possibile obbligare i contribuenti al pagamento, ma ciò ha comportato anche un aumento del costo delle bollette.

Per questo motivo, l’Unione Europea ha fortemente criticato questa scelta del governo italiano, ma quanto pare il governo Draghi è deciso a mettere in atto una contro-riforma.