Carburanti, prezzo AdBlue raddoppiato: cosa sta succedendo

Continua il momento di caos attorno all’AdBlue, il liquido antismog indispensabile per i motori di ultima generazione utilizzati soprattuto nei mezzi di camionisti e trasportatori. Smentite le voci su uno stop alla produzione, ma i prezzi sono già raddoppiati. Vediamo insieme cosa sta succedendo.

815a0c8692d20665e578e4ff7ff8892f

Settimane impegnative queste ultime per camionisti e autotrasportatori, che hanno dovuto fare i conti con la situazione di caos che si è creata attorno all’AdBlue, l’additivo antismog utilizzato nei motori diesel di ultima generazione.

Nonostante le smentite su una scarsità di scorte dovuta ad un potenziale stop alla produzione, il prezzo è passato da 25 a 50 centesimi al litro.

Vediamo nel dettaglio a cosa serve l’AdBlue e cosa è successo.

AdBlue: come funziona e cosa è successo

what_is_adblue_20

 

L’AdBlue è l’additivo che taglia le emissioni di azoto dei motori diesel Euro6 di nuova generazione presenti principalmente nei mezzi utilizzati dagli autotrasportatori. Quando il liquido, contenuto in un piccolo serbatoio, si esaurisce, la centralina d’avviamento non lascia riaccendere il motore finché non si rabbocca il composto.

Nelle ultime settimane si è sparsa la voce di uno stop alla produzione dell’AdBlue a causa dell’insostenibilità dei costi, dovuta soprattutto all’impennata del metano: il risultato è stata una corsa alle scorte del liquido con conseguente raddoppio del prezzo, che è passato nel giro di pochi giorni da 25 a 50 centesimo al litro.

In realtà, come spiegato in un secondo momento da chi opera nel settore, non è mai mancata la disponibilità dell’additivo, che è sempre rimasto presente nei distributori e sugli scaffali della grande distribuzione.

Caos AdBlue: allarme per i trasportatori

truck-g5257779f9_1920

Nonostante l’allarme sulla disponibilità delle scorte sia rientrato, non mancano le preoccupazioni per le associazioni di camionisti e trasportatori, che si trovano ora a fare i conti con un prezzo due volte superiore rispetto a quello di poche settimane fa. Andrea Manfron, segretario generale della Fai Conftrasporto, ha dichiarato:

“Subiamo un rincaro pazzesco dei costi di gestione e dei costi operativi e ciò colpisce soprattutto chi ha mezzi nuovi e molto efficienti. Chi ha investito con mezzi nuovi alimentati a metano liquefatto, il Gnl, subisce prezzi di rifornimento di 2,5 volte superiori rispetto alla primavera. E ora si aggiunge la batosta della scarsità di AdBlue per i diesel di nuova generazione”.

Lascia un commento