Carburanti: sconti in vigore fino al 17 Ottobre

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
14/09/2022

La crisi dei carburanti continua a preoccupare gli esperti e gli addetti ai lavori, con il prezzo del diesel e della benzina che rimane comunque molto elevato. Il governo ha posto in essere degli sconti di 30 centesimi, che ormai da mesi consentono di calmierare la spesa. Questi sconti saranno ulteriormente prorogati fino al 17 Ottobre.

Benzina

Via al decreto interministeriale che riguarda la proroga degli sconti sui carburanti, che ricordiamo essere pari a 30 centesimi. Il decreto è stato firmai dai ministeri della Transizione ecologica e da quello dell’Economia e delle Finanze. Vediamo fino a quando sarà prorogato lo sconto sui carburanti e come potrebbe evolversi la vicenda nei mesi futuri.

Carburanti: sconti prorogati fino a metà Ottobre

Benzina

Gli sconti sui carburanti sono stati una delle prime reazione del governo allo scoppio della guerra in Ucraina. Nei distributori infatti si è assistito all’aumento dei prezzi già nello stesso giorno dello scoppio della guerra, sintomo che si tratta si di una reazione dei mercati, ma in parte anche di un fenomeno speculativo.

Lo sconto è sempre stato di 30 centesimi, ma nonostante questo il prezzo rimane comunque elevato, prossimo all’1,80 euro al litro per il diesel e 1,70 euro al litro per la benzina. A preoccupare invece è il metano, il quale sta avendo un andamento strano, con distributori che adottano un prezzo superiore ai 4 euro al kilo, mentre altri poco sopra l’euro.

Carburanti: di quanto sarà il nuovo sconto?

man-at-gas-station-with-the-car-close-up

Vediamo ora a quanto ammonta il nuovo sconto sui carburanti, prorogato dal governo nelle ore scorse. Come le decisioni prese in precedenza, gli sconti rimangono dell’ordine dei 30 centesimi, sia per il diesel, che per la benzina, ma anche per il gpl e per il metano. Come già detto, gli sconti resteranno in vigore fino al 17 Ottobre, dopo che la scadenza precedente era stata fissata al 5 Ottobre 2022.

Il governo auspica una diminuzione nei prossimi mesi, anche perché l’esborso per garantire tali sconti è stato sicuramente forte e non potrà essere sostenuto a lungo.