Caro bollette: aumenti fino al 200% per la luce

Secondo una simulazione di Altroconsumo, la bolletta della luce quest’anno arriverà a costare fino a 1.110 euro in più per a famiglia, con gli aumenti spinti dall’ultimo rincaro di ottobre.

bollette-pazze-87204404

Secondo una simulazione di Altroconsumo realizzata per il Sole 24 Ore, il conto finale del costo della luce per questo anno sarà un vero e proprio trauma per le famiglie italiane. L’energia elettrica, infatti, costerà fino a 1.100 euro in più per un nucleo familiare tipo in regime tutelato. Si salverà dai forti rincari, invece, chi ha ancora valido un contratto stipulato uno o due anni fa sul mercato libero a prezzo fisso, con il gas che allora costava quasi un quarto di quanto costa oggi.

Aumenti in bolletta, i tre scenari considerati

banknotes-g58580a292_1920

Sono tre gli scenari presi in considerazione da Altroconsumo: una famiglia di quattro persone che consuma molto (circa 4.000 chilowattora all’anno); un nucleo di tre persone (con un consumo di 2.700 chilowattora); una coppia di due persone (per circa 1.900 chilowattora annui di consumo).

Nel primo caso si passerebbe dai 946,96 euro dello scorso anno ai 2.646,94 euro del 2022 (+171%). Nel secondo da 590,94 a 1.726,6 euro (+192%). Per la coppia di due persone, invece, la spesa andrebbe da 441,4 a 1.231,97 euro (+179%).

L’aumento più pesante è stato l’ultimo di ottobre (con una crescita del 59%), poi ci sono quelli di ottobre 2021 (+29,8%) e gennaio 2022 (+55%), prima dello scoppio della guerra in Ucraina e dell’inasprirsi della crisi energetica tra Russia e Occidente.

Un italiano su due taglia la spesa al supermercato

good-looking-woman-standing-front-vegetable-shelves-choosing-what-buy

Gli effetti di questi rincari sul portafoglio degli italiani (oltre a quelli sul sistema industriale) sono già evidenti. Il caro bollette, secondo Coldiretti, ha già tagliato del 3,2% le quantità degli alimenti acquistati dagli italiani. Nonostante questo i cittadini hanno già speso il 4% in più sul carrello della spesa per la crisi energetica e delle materie prime. Più di un italiano su due, poi, (precisamente il 51%), ha deciso di razionare la spesa.