Caro energia: cosa sta facendo la Germania?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
05/09/2022

Il caro energia sta colpendo molti stati europei, tra cui la Germania, l’economia trainante dell’Ue. Per fare un paragone con l’Italia, vediamo quali risposte sta dando il governo tedesco e se si tratta di un modello da seguire. Approfondiamo la questione nel seguente articolo.

Gas

La Germania, insieme all’Italia, sta soffrendo particolarmente l’aumento del prezzo delle materie prime. Si sta inoltre avvicinando l’apertura del gasdotto Nord Stream, manca circa una settimana. Il governo del neo presidente Olaf Scholz, ha varato un piano di interventi da 65 miliardi di euro per sostenere le famiglie e le imprese a superare la crisi energetica.

Vediamo in cosa consistono gli aiuti e se tali interventi saranno sufficienti.

Caro energia: il piano del governo tedesco

modern-kitchen-stove-natural-gas-burns-with-blue-flame-household-gas-consumption-close-up-selective-focus

La Germania deve dare una risposta molto forte a livello governativo per quanto riguarda l’aumento di prezzo dell’energia. Insieme all’Italia, si tratta della nazione più colpita dagli aumenti di prezzo. Il governo tedesco ha varato un piano d’intervento da oltre 65 miliardi di euro, che si auspica sia sufficiente a sopportare gli aumenti e a mitigarli per imprese e famiglie.

Nel documento presentato in Parlamento si legge:

Un aiuto rapido e proporzionato ai cittadini e alle imprese è necessario a causa del rapido aumento dei prezzi elevati dell’energia.

Tutto questo in quanto la Russia non viene più considerato un partner energetico affidabile, dunque la risposta dovrà essere efficace.

Germania: in cosa consistono gli aiuti?

gas-1822691_1920

Cerchiamo ora di fare chiarezza sul piano del governo tedesco per fronteggiare il caro energia. Il pacchetto da 65 miliardi di euro dovrà essere necessario per coprire il saldo del 2022 e del 2023. Tale ammontare di denaro risulterà essere anche maggiore, grazie ai versamenti che ogni singolo Land andrà ad effettuare.

Per il premier Scholz si tratta di una sfida per riconquistare la popolarità che lo aveva portato in vetta al governo tedesco, leadership messa a repentaglio dalla crisi energetica.