Carta dedicata a te prorogata: fino a quando e a chi spetta

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
19/10/2023

Il governo italiano ha confermato la social card per il 2024, destinando 600 milioni di euro per il suo finanziamento. Questa iniziativa mira a sostenere i redditi bassi fornendo ai beneficiari una carta prepagata per l’acquisto di beni alimentari di prima necessità, e potrebbe includere un bonus per benzina o trasporti.

pagamento-carta-contactless-bancomat-bancoposta

Mentre si attende il tanto atteso bonus benzina o trasporto, l’annuncio della conferma della social card per il 2024 è stato accolto con favore.

Questa iniziativa fa parte di un pacchetto di misure per sostenere i redditi bassi previsto nella prossima Manovra, con un budget totale di 24 miliardi di euro, di cui 10 miliardi saranno destinati alla riduzione del cuneo fiscale e contributivo.

La premier Giorgia Meloni ha annunciato questa notizia durante la presentazione del Disegno di Legge di Bilancio il 16 ottobre.

Carta dedicata a te confermata per il 2024

carta credito ecommece

Per assicurare la continuità della social card nel 2024, verranno stanziati 600 milioni di euro, confermando l’importanza di questa iniziativa.

Inizialmente prevista nella Legge di Bilancio dell’anno precedente, le famiglie idonee hanno ricevuto una postepay di 382,50 euro per l’acquisto di beni alimentari di prima necessità senza dover presentare domande.

Con il Decreto Legge numero 131 del 2023, il fondo è stato aumentato di 100 milioni di euro, portando il totale a 600 milioni, con l’intenzione di fornire una ricarica per l’acquisto di benzina o abbonamenti ai mezzi pubblici.

I dettagli e l’importo, stimato a circa 77 euro, saranno definiti in un decreto attuativo dedicato. Questo stanziamento per il 2024 suggerisce la possibilità di una versione potenziata della misura, inclusa l’opzione di bonus per benzina o trasporti.

Come funziona la carta

Le carte Postepay distribuite la scorsa estate hanno una scadenza che in alcuni casi arriva fino al 2028. È probabile che chi mantiene i requisiti richiesti anche nel 2024 riceverà una ricarica diretta sulla propria prepagata, ma i dettagli operativi saranno confermati durante il processo legislativo per la Legge di Bilancio.

Nel 2023, le carte dedicate a te sono state assegnate a famiglie con un ISEE fino a 15.000 euro, con tutti i membri iscritti all’Anagrafe della Popolazione Residente che soddisfacevano i criteri di priorità.

Queste carte sono state distribuite seguendo un ordine specifico, con priorità per le famiglie di almeno tre membri, di cui almeno uno nato entro il 31 dicembre 2009, o entro il 31 dicembre 2005, o famiglie composte da almeno tre membri in generale. Le famiglie con il punteggio ISEE più basso sono state le prime ad avere accesso.

I nuclei familiari che già ricevevano altre forme di assistenza, come il Reddito di Cittadinanza o altre misure di sostegno finanziario, sono stati esclusi da questa iniziativa.

Non è ancora chiaro se le stesse regole saranno applicate anche nel 2024 o se verrà avviata una nuova procedura per includere nuovi beneficiari, come coloro che non ricevono più il Reddito di Cittadinanza.

Utilizzo della carta

La carta dedicata a te è stata creata con l’obiettivo di sostenere le famiglie nell’acquisto di beni alimentari essenziali. Il Ministero delle Politiche Agricole e della Sovranità Alimentare ha specificato nell’aprile scorso, tramite un decreto attuativo, l’elenco degli acquisti che possono essere effettuati con questa carta. Questi includono una varietà di prodotti alimentari come carni, pesce, latte, oli, prodotti da forno, pasta, cereali, frutta, e molti altri.

Acquisti consentiti

In generale, la carta dedicata a te può essere utilizzata presso qualsiasi negozio che vende generi alimentari, offrendo in alcuni casi uno sconto del 15% sugli acquisti.

Recentemente, con le modifiche apportate dal Decreto Energia, l’elenco dei beni acquistabili con questa carta si è ampliato, consentendo l’acquisto di carburante o abbonamenti ai mezzi pubblici.