Carta famiglia: cos’è e come richiederla

20/10/2021

Il governo ha di recente introdotto un nuovo strumento molto utile per gli italiani: la carta famiglia. Cerchiamo di capire di cosa si tratta e come funziona, in particolare come fare domanda nel 2021 e nel 2022.

famiglia-1

Cos’è la carta famiglia? Come si può ottenere? Nel seguente articolo cercheremo di rispondere a queste domande in merito alla nuova modalità di aiuto pensata dal governo per aiutare i nuclei familiari più numerosi. Semplificando al massimo, la nuova carta permette a tali nuclei di usufruire di sconti ed agevolazioni.

Durante il 2020, per rispondere alla crisi pandemica, la domanda poteva essere fatta anche dalle famiglie con un solo figlio a carico. Scopriamo come funziona per il 2021 e per il 2022 la carta famiglia.

Carta famiglia: tutto quello che c’è da sapere

Famiglia

Non tutti lo sanno, ma la carta famiglia è presente nell’ordinamento italiano già dal 2016 ed è operativa dal 2018. La carta consente di ottenere sconti ed agevolazioni ai beneficiari, soprattutto che riguardano prodotti e servizi della vita di tutti i giorni: dai mezzi pubblici ai generi alimentari.


Leggi anche: Bonus acqua potabile 2021: cos’è, beneficiari e come fare domanda

La carta famiglia eroga servizi a tutte le famiglie numerose, consentendo a queste di avere agevolazioni su servizi e prodotti. Per poter presentare domanda, il nucleo familiare deve essere composto da almeno 3 figli a carico, con al massimo 26 anni. Questo è l’unico requisito, non rileva l’ISEE.

Carta famiglia: come si ottengono le agevolazioni?

money-gfb49fa4e0_1920

Vediamo ora come poter accedere agli sconti e alle agevolazioni previste. Innanzitutto la mera presentazione della carta comporterà uno sconto pari al 5% nei negozi aderenti e per determinati prodotti acquistati. La lista dei negozi partecipanti può essere consultata online nel portale dedicato.

Ogni negozio aderente avrà due bollini per identificare gli sconti concessi, questi sono:

  • bollino “Amico della famiglia”: per sconti e riduzioni dal 5% del prezzo di listino;
  • bollino “Sostenitore della famiglia”: per sconti e riduzioni tariffarie pari o superiori al 20% del prezzo di listino.
Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica