Carte per il Reddito d’Inclusione da oggi disponibile alle Poste

Dalla data odierna, le Poste Italiane iniziano la distribuzione delle nuove Carte per il Reddito d’Inclusione. Questo strumento finanziario è destinato ai beneficiari dell’Assegno di Inclusione, che vedrà i primi pagamenti effettuati a partire dal 26 gennaio. Un decreto interministeriale ha definito le regole per l’utilizzo di queste carte, delineando sia le categorie di acquisti consentiti che quelli vietati.

Dettagli del decreto

Il decreto, che regola l’utilizzo della Carta Adi, è stato emanato dai Ministri del Lavoro e dell’Economia. Esso segue le direttive dell’articolo 4, comma 9, del DL 48/2023, che a sua volta è stato convertito con modifiche dalla Legge 85/2003. Sebbene la pubblicazione ufficiale in Gazzetta Ufficiale sia ancora in attesa, il testo del decreto è già disponibile per la consultazione.

Categorie di acquisti ammessi e proibiti

La Carta Adi permette ai beneficiari di coprire una vasta gamma di esigenze quotidiane, analogamente alla Carta Acquisti. Tuttavia, ci sono specifiche restrizioni sugli acquisti: non è possibile utilizzarla per acquistare giochi con vincite in denaro, alcol, sigarette, fuochi d’artificio, armi, materiale pornografico, tra gli altri.

Eccezioni per il pagamento dei mutui

Una novità rilevante della Carta Adi è la possibilità di utilizzarla per effettuare bonifici mensili per il pagamento dei mutui, relativi all’acquisto o alla costruzione di abitazioni di proprietà. Questa misura fornisce un supporto significativo ai nuclei familiari proprietari di casa nel gestire le spese per il mutuo.

Limiti di prelievo e restrizioni di utilizzo

Il decreto impone specifici limiti sui prelievi in contanti da effettuare con la Carta Adi, fissando un massimo di 100 euro moltiplicato per la scala di equivalenza per ogni nucleo familiare. In aggiunta, la carta presenta restrizioni per quanto riguarda l’utilizzo all’estero, gli acquisti online e l’impiego in servizi di direct-marketing.