Cartelle esattoriali: come fare domanda di rateizzazione

31/08/2021

Partono i pagamenti per le cartelle esattoriali: per i più ritardatari, c’è tempo fino al 30 settembre per pagare le rate sospese. Inoltre, sempre entro la scadenza del 30 settembre si può fare domanda di rateizzazione. Scopriamo insieme come fare.

2800agenzia-entrate

A settembre riparte ufficialmente la possibilità di pagare le cartelle esattoriali con un’attenzione in più. Va tenuto d’occhio il calendario delle scadenze, che avrà la sua data utlima il 30 dettembre 2021.

In tale data sarà possibile pagare le somme da versare originariamente da marzo 2020 ad agosto 2021 e sarà anche possibile richiedere la rateizzazione dei debiti contratti precedentemente.

Approfondiamo insieme la questione.

Cartelle esattoriali: la domanda di rateizzazione

office-with-documents-and-money-accounts

Il 30 settembre 2021 coincide con il termine ultimo per pagare le rate delle cartelle esattoriali rimaste sospese da marzo 2020. Si prospetta essere un appuntamento assai oneroso per i contrbuenti, i quali, se non si saranno preparati a dovere, andranno incontro ad un pagamento molto importante per i propri portafogli.


Leggi anche: Cartelle esattoriali bloccate fino al 30 giugno: come pagare

C’è una soluzione per evitare di pagare tutto in un’unica rata: quella della rateizzazione. Ciò è possibile per i debiti contratti tra il mese di marzo 2020 e quello di agosto 2021. Colui che presenta la domanda avrà la possibilità di spalmare le somme dovute su ben sei anni. La richiesta può essere fatta per i debiti fino a 100 mila euro.

Possono fare domanda anche i decaduti dalla pace fiscale

money-notepad-and-calculator-on-the-table (1)-min

La domanda di rateizzazione può essere fatta anche dai cosiddetti decaduti dalla pace fiscale. Costoro sarebbero i soggetti che non hanno pagato le rate della pace fiscale entro il 31 dicembre 2019.

La stessa regola si applica anche ai decaduti dalla prima rottamazione e dalla rottamazione bis, per effetto delle novità previste dal successivo decreto Ristori.

Il numero delle rate non pagate che fanno scattare il decadimento è passato da 5 a 10 grazie al decreto Rilancio. Tale agevolazione viene applicata a coloro che hanno pattuito piani di dilazione fino al 31 dicembre 2021.

 

 

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica