Cashback 2021: a che punto sono i rimborsi?

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
25/08/2021

Dopo la sospensione del Cashback di Stato per il secondo semestre del 2021 prosegue la fase legata ai rimborsi da 150 euro relativi al primo periodo del programma. Vediamo a che punto sono i pagamenti e quanto ancora bisogna aspettare per la classifica finale che assegnerà il Supercashback da 1.500 euro.

super-bonus-cashback

Secondo i dati diffusi dal Ministero dell’Economia quasi il 95% dei rimborsi da 150 euro del Cashback di Stato relativo al primo semestre del 2021 è già arrivato nelle tasche dei beneficiari.

Bisognerà ancora attendere, invece, per la classifica finale da cui usciranno i fortunati 100 mila cittadini vincitori del super premio da 1.500 euro.

Cashback: proseguono i rimborsi

money-1005464_1920

Dopo lo stop del Cashback di Stato, terminato lo scorso 30 giugno e sospeso almeno fino al 31 dicembre, proseguono i rimborsi pari al 10% degli acquisti effettuati (sino ad un massimo di 150 euro) a favore di chi ha realizzato almeno 50 transazioni a partire dal 1° gennaio 2021.

Secondo gli ultimi dati, ad oggi sarebbe stato erogato il 95% di questi rimborsi. I restanti, invece, verranno accreditati entro la fine del mese di agosto.

I cittadini che hanno aderito all’iniziativa sono stati complessivamente 7,9 milioni, e di questi oltre 6 milioni hanno guadagnato il diritto al premio da 150 euro. Per le erogazioni del Cashback sono stati stanziati circa 893 milioni di euro.

Cashback: attesa per la classifica finale

SuperCashbackClassificaOggi

Ci vorrà ancora un po’ di pazienza, invece, per il super premio da 1.500 euro, che viene assegnato ai primi 100 mila cittadini che hanno realizzato il maggior numero di transazioni tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2021. Per le erogazioni di tali somme bisognerà attendere la pubblicazione della classifica finale che, secondo le ultime notizie, dovrebbe arrivare entro il prossimo 30 novembre.

I ritardi nella pubblicazione della classifica finale sono dovuti ai controlli sui cosiddetti “furbetti del Cashback“, quei soggetti che frazionavano esageratamente le transazioni in modo da salire il più in alto possibile nella classifica generale.

Tutte le transazioni sospette e non confermate dagli utenti, infatti, sono state eliminate: una mossa, questa, che potrebbe stravolgere totalmente la classifica finale del Supercashback lasciando un gran numero di cittadini a mani vuote.