Cashback 2021 sospeso dal 1 luglio

29/06/2021

È più che viva la possibilità che il Governo sospenda per sei mesi il programma di cashback, che prevede la restituzione del 10% delle somme spese tramite carte e pagamenti elettronici. I primi sei mesi del piano, invece, verranno rimborsati a partire da domani.

super-bonus-cashback

Il servizio cashback va verso un momentaneo stop, su richiesta del governo. Il sistema che prevede la restituzione del 10% dei pagamenti effettuati con mezzi digitali, fino ad un massimo di 150 euro, viene momentaneamente accantonato. I primi sei mesi verranno regolarmente rimborsati a partire da domani.

La decisione è stata presa dalla cabina di regia di Palazzo Chigi, che dopo aver discusso del tema del blocco dei licenziamenti e del rinvio di ulteriori due mesi delle cartelle sarebbe arrivata a questa decisione. Vediamo i motivi.

Servizio Cashback: si va verso uno stop momentaneo

SuperCashback

Stando alle prime indiscrezioni trapelate ieri sera, dopo la riunione della cabina di regia di Palazzo Chigi, sembra che il programma di cashback verrà messo in pausa, almeno per i prossimi sei mesi. L’iniziativa era stata adottata in via sperimentale nel mese di Dicembre 2020 e, dato il grande successo, è stata riproposta nel 2021.


Leggi anche: Tasse partite IVA: scadenze luglio e settembre 2021

Questo stop improvviso potrebbe generare malumori tra i cittadini che ne hanno usufruito, oltre ad un quasi certo rallentamento della lotta al denaro contante intrapresa da tempo dal Governo.

Cashback: al via i pagamenti da Luglio

money-1005464_1920

I numeri confermano il grande successo ottenuto dall’iniziativa cashback: sono circa sei milioni i cittadini che hanno effettuato almeno 50 transazioni e che quindi potranno ottenere il rimborso. Per coloro che ancora non hanno raggiunto la soglia delle 50 transazioni c’è ancora tempo fino al 30 Giugno per effettuarle.

Da 1° Luglio, inoltre, scatteranno le restituzioni del 10% delle somme pagate con mezzi digitali. Il pagamento avverrà in automatico, senza che i cittadini facciano alcuna domanda o richiesta. Sarà necessario aver presentato l’IBAN corrispondente e i pagamenti arriveranno al massimo entro due mesi dalla data di scadenza.

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica