Cashback: rimborsi entro il 1 marzo

Cashback di Natale: in arrivo i rimborsi per gli acquisti effettuati tra l’8 e il 31 dicembre 2020. La data indicata come termine massimo per ricevere i pagamenti è quella del 1° marzo. Come comportarsi nel caso di ritardi o importi errati?

credit-card-payment-buy-sell-products-service-min

Cashback di Natale: previsti entro la fine del mese i pagamenti per gli acquisti effettuati tra l’8 e il 31 dicembre 2020. Più di 3 milioni i cittadini che hanno maturato il diritto al rimborso e che vedranno accreditarsi le somme entro il prossimo 1° marzo.

In caso di mancato versamento è già attiva la procedura di reclamo. Per il Cashback standard, invece, bisognerà attendere la conclusione del programma, fissata per fine giugno.

Cosa fare nel caso di ritardi o errori nei pagamenti?

Cashback di Natale: rimborsi in arrivo

Cashback service concept vector illustration

Sono in arrivo i rimborsi per il Cashback di Natale relativo a tutti i pagamenti effettuati tra l’8 e il 31 dicembre 2020.


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

Più di 3 milioni gli italiani che hanno maturato il diritto al rimborso, avendo effettuato il minimo di 10 transazioni richiesto per accedere al beneficio. A questi verrà restituito il 10% di quanto speso, per un massimo di 150 euro. Le transazioni oggetto del rimborso saranno esclusivamente quelle avvenute tramite bancomat o carta di credito registrate sull’app IO.

I pagamenti sono già stati avviati e molti utenti hanno già visto accreditarsi le somme nei propri conti correnti. Per tutti coloro ancora in attesa, la data comunicata come termine massimo dell’erogazione è quella del prossimo 1° marzo. Se dopo tale giorno i pagamenti non fossero ancora arrivati, è già attiva la procedura di reclamo.

Eventuali ritardi, comunque, potrebbero registrarsi a causa di errori del sistema (in primis disservizi dell’app IO) o di ulteriori verifiche o correzioni, le quali ricordiamo sono ancora in corso.

Errori nei rimborsi: come fare reclamo

office-with-documents-money-accounts-min

Cosa fare invece nel caso in cui l’accredito del rimborso non risultasse corretto?

La Consap, la società concessionaria dei servizi assicurativi pubblici, ha messo a disposizione degli utenti un apposito portale. Questo consente ai cittadini di presentare eventuali reclami allegando tutta la documentazione necessaria per dimostrare l’errore avvenuto nel versamento della somma.

La data limite per presentare ricorso per il Cashback di Natale è fissata al 29 giugno 2021.


Potrebbe interessarti: Creative Commons: l’evoluzione dei diritti d’autore

Per quanto riguarda invece il Cashback standard attualmente in corso, per i reclami bisognerà attendere la conclusione del programma prevista per fine giugno: in tal caso, il termine ultimo per i ricorsi sarà il 30 agosto 2021.

 

 

 

 

 

Luca Paolucci
Laurea in Economia e Management
Laureando in Management Internazionale
Suggerisci una modifica