Certificazione unica 2022: novità e scadenza

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
15/01/2022

La scadenza per l’invio della certificazione unica 2022 è stata fissata al 16 Marzo 2022: si tratta di una novità importante in quanto il modulo CUD ha subito delle importanti modifiche. Vediamo insieme come è composta la nuova versione definita, approvata il 14 Gennaio dall’Agenzia delle Entrate.

agenzia-delle-entrate-1200×675

Il governo si è impegnato a far venire alla luce la nuova certificazione unica, detta anche CUD, per il 2022. Il nuovo modello è stata definitivamente approvato con il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, in data 14 Gennaio 2022. La nuova modulistica non è esente da novità, a partire dalla data in cui deve essere consegnata: entro e non oltre il 16 Marzo 2022.

Analizziamo insieme la questione riguardo alle novità della nuova certificazione unica.

Certificazione unica 2022: da quali documenti è composta?

agenzia-delle-entrate

La principale novità è data dai documenti di cui è composta la nuova certificazione. Ricordiamo che tale “flusso telematico” da inviare all’Agenzia entro il 16 Marzo 2022, deve essere composto da:

  • Frontespizio nel quale vengono riportate le informazioni relative al tipo di comunicazione, ai dati del sostituto, ai dati relativi al rappresentante firmatario della comunicazione, alla firma della comunicazione e all’impegno alla presentazione telematica;
  • Quadro CT nel quale vengono riportate le informazioni riguardanti la ricezione in via telematica dei dati relativi ai modelli 730-4 resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate;
  • Certificazione Unica 2022 nella quale vengono riportati i dati fiscali e previdenziali relativi alle certificazioni lavoro dipendente, assimilati e assistenza fiscale e alle certificazioni lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi nonché i dati fiscali relativi alle certificazioni dei redditi relativi alle locazioni brevi.

Certificazione unica 2022: ecco le novità

AGENZIA DELLE ENTRATE

Vediamo ora quali sono le novità che l’introduzione del nuovo modello ha apportato. Stando al testo approvato dall’Agenzia delle Entrate, le novità sono:

  • aumento a 609,50 euro della riduzione dell’imposta a favore del personale dipendente del “comparto sicurezza”;
  • nuove agevolazioni previste per il TFR in caso di cooperative costituite da lavoratori provenienti da aziende in difficoltà e per le prestazioni dei Fondi di solidarietà bilaterale del credito ordinario, cooperativo e della società Poste italiane Spa;
  • indicazione della liquidazione anticipata della Nuova assicurazione sociale per l’impiego (NASPI).