Clubhouse: perché e come investire

13/02/2021

Clubhouse è il social network del momento. Niene foto o post, ma solo messaggi vocali. Una piattaforma destinata a crescere e a generare profitti. Una breve guida per capire di cosa si tratta, come funziona e in che modo è possibile investire in questa nuova app.

ƒAƒvƒŠ‚̃AƒCƒRƒ“

Clubhouse è la nuova app del momento. Un social network che consente l’iscrizione e la creazione di un profilo solamente a chi ha ricevuto un invito. Nessun post, nessuna foto ma esclusivamente messaggi vocali: Clubhouse mette al centro solo l’utilizzo della propria voce e delle proprie doti oratorie. Il fine? Condividere aggiornamenti e informazioni.

I numeri sono in forte crescita e in tanti già si chiedono come fare per investire i propri risparmi in un trend che, secondo molti, potrebbe rappresentare il futuro dei social.

Clubhouse: cos’è e come funziona

User People Network Circuit Board Link Connection Technology

Clubhouse è un social network americano fondato ad aprile del 2020 da Paul Davison e Rohan Seth, due ex ingegneri di Google. Negli Stati Uniti l’app ha goduto di un grande successo fin dalla sua nascita, grazie soprattutto alla partecipazione di numerosi Vip, e negli ultimi mesi sta prendendo piede in tutto il mondo.


Leggi anche: Clubhouse: Elon Musk chiama Vladimir Putin, la risposta ufficiale

Clubhouse si distingue dai soliti social per il fatto che non prevede la possibilità di pubblicare post, foto o video ma esclusivamente messaggi vocali, registrati dagli utenti in diretta in stanze simili a chiamate di gruppo, con l’unico obiettivo di condividere e scambiare informazioni.

Le stanze si dividono per temi (dalla politica alla tecnologia, dalla musica all’attualità, e molto altro) ed è possibile partecipare alle discussioni solamente su invito. La conversazione avviene “in diretta” e perdura fino a quando la stanza resta aperta: dopo tale momento non sarà più possibile recuperare la chat.

Tutti i messaggi audio postati non possono in alcun modo uscire da Clubhouse, che ne impedisce infatti il download, la registrazione e la condivisione al di fuori della piattaforma.

Clubhouse: i numeri della crescita

90449-min

Lanciata ad aprile dello scorso anno, in corrispondenza della scoppio della pandemia da Covid-19, con un investimento iniziale di appena 12 milioni di dollari, dopo poche settimane la valutazione di Clubhouse è schizzata a 100 milioni di dollari.

A dicembre del 2020, la società veniva valutata oltre 1 miliardo di dollari. E, di pari passo, è aumentato notevolmente anche il numero degli iscritti.

Nonostante per il momento l’app sia disponibile esclusivamente per i possessori di dispositivi iOS (a breve dovrebbe essere pronta anche una versione per Android), gli utenti si moltiplicano di mese in mese: se a dicembre 2020 quelli registrati erano 600.000, oggi se ne contano già 2 milioni, oltre il triplo.


Potrebbe interessarti: E-mail marketing: articoli, documenti e ricerche

Numeri vertiginosi che spiegano il motivo per cui in molti hanno già espresso il proprio interesse ad investire in Clubhouse. In che modo è possibile farlo?

Come posso investire in Clubhouse?

business-infographics-hologram-made-by-man-min

Ad oggi non è possibile comprare azioni Clubhouse sul mercato pubblico, l’unico canale per investire è il mercato privato.

C’è poi un ulteriore problema: la SEC, l’ente federale statunitense preposto alla vigilanza della borsa valori (la corrispondente americana della nostra Consob), permette la partecipazione al mercato privato solamente ai cosiddetti “investitori accreditati“.

Per essere ritenuti “investitori accreditati” occorre avere un patrimonio netto di almeno 1 miliardo di dollari, oltre a disporre già di una consolidata esperienza nel campo degli investimenti. Una situazione che, come prevedibile, allontana al momento gran parte degli interessati.

Per poter quindi anche solo pensare di investire i propri risparmi in Clubhouse bisognerà almeno aspettare la sua IPO (l’offerta pubblica iniziale), che segnerà il momento in cui le azioni della società saranno quotate sul classico mercato azionario e quindi disponibili per essere comprate e vendute da tutti.

Uno scenario che, vedendo i numeri, si presenterà presto. A questo punto non resta che attendere.

Luca Paolucci
Laurea in Economia e Management
Laureando in Management Internazionale
Suggerisci una modifica