Come comunicare la morte di un pensionato all’ente pensionistico

In caso di morte del pensionato, la comunicazione dell’accaduto deve avvenire tempestivamente, per non incorrere in gravi conseguenze. Vediamo insieme.

INPS

Quando un pensionato muore, è fondamentale informare tempestivamente l’ente pensionistico per interrompere il pagamento di eventuali pensioni non dovute e tutelare i familiari. Tuttavia, non tutti sanno come agire in queste situazioni, ed è per questo motivo che intervengono le autorità competenti, come gli ufficiali dell’anagrafe o i medici che accertano la morte della persona comunicando l’evento.

Ruolo delle agenzie di pompe funebri

1619257029-1617779768-inps

Le agenzie di pompe funebri svolgono un ruolo importante nell’organizzazione del funerale, compresa la parte burocratica e amministrativa. In particolare, queste agenzie possono occuparsi della trasmissione del certificato di morte all’INPS, o degli uffici anagrafici comunali che lo fanno una volta appresa la notizia. Ciò permette ai familiari di dedicarsi alla preparazione del funerale e di avere meno preoccupazioni in un momento già difficile.

Il ruolo del medico necroscopo

Secondo la legge, il medico necroscopo ha l’obbligo di informare l’INPS della morte del pensionato entro 48 ore. La responsabilità è unicamente sua, ma il limite temporale dipende dalle circostanze dell’evento e dal momento in cui il medico viene a conoscenza del decesso. Dopo la segnalazione di morte del pensionato, l’INPS provvede immediatamente all’eliminazione della pensione.

Recupero delle somme corrisposte indebitamente

Se ci sono superstiti aventi diritto alla prestazione, eventuali somme corrisposte indebitamente sono recuperate col primo rateo della nuova pensione o direttamente dagli eredi che accettano l’eredità. Se i familiari non hanno comunicato la morte del pensionato, possono essere ritenuti responsabili se il ritardo nel segnalarlo comporta il pagamento di un assegno non dovuto.

Data di eliminazione delle pensioni

La data di eliminazione delle pensioni coincide con il primo giorno del mese successivo a quello del decesso, e le rate di pensione erogate dopo tale momento devono essere restituite dall’INPS in base alla legge.

Lascia un commento