Condizionatori: consigli per risparmiare

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
01/07/2021

In estate tendono a scendere i consumi per quanto riguarda la luce, ma di riflesso salgono vertiginosamente quelli per i condizionatori d’aria. Sono ormai diventati degli strumenti indispensabili, la cui diffusione è sempre maggiore grazie anche al Superbonus 110%. Ma è possibile utilizzarli in modo da non trovarsi brutte sorprese in bolletta?

air-conditioning-3679756_1920

Gli effetti del riscaldamento globale sono sempre più visibili e tangibili e questo mese di Giugno ne è stata la prova, con numerose città che hanno raggiunto i 40°. L’utilizzo del condizionatore o del climatizzatore è più che indispensabile sia per le postazioni di lavoro, ma soprattutto per le famiglie.

L’altro lato della medaglia è che queste macchine consumano moltissima corrente e quindi tendono a far lievitare le bollette. Cerchiamo di trovare delle soluzioni per ridurre il consumo (e quindi i costi in bolletta).

Condizionatori e climatizzatori: tutte le tipologie

air-conditioning-decoration-interior-min

Va innanzitutto fatta la distinzione tra condizionatore e climatizzatore: diciamo che i secondi sono una evoluzione dei primi. Hanno numerose funzioni in più come la deumidificazione e la possibilità di scelta della temperatura da raggiungere in casa.

Vediamone le varie tipologie:

  • I sistemi tradizionali sono i più economici, ma erogano in maniera costante la potenza, generando consumi eccessivi;
  • Gli inverter erogano potenza in maniera variabile, ma sono più costosi;
  • Monosplit, dualsplit o multisplit, i monosplit sono idonei per monolocali o piccole abitazioni, mentre gli altri due sono composti da più unità e quindi si prestano ad ambienti più grandi;

Utilizzo condizionatori: consigli per risparmiare

air-3601981_1920

In primis, un consiglio molto utile è quello di usufruire del Superbonus 110% per far applicare il cappotto termico sulla casa, in modo tale da aumentare l’isolamento termico.

Deumidificare l’ambiente è molto importante, anzi essenziale se si vuole combattere il caldo e molti climatizzatori permettono di fare questo. Togliendo l’umidità l’ambiente rimane fresco più a lungo, evitando così di utilizzarlo eccessivamente.

Riguardo alla temperatura da impostare, solitamente nelle giornate torride si tende a impostare il minimo consentito, ossia 16 gradi. Ciò non è consigliabile, in quanto si consuma eccessivamente e si aumenta la probabilità di problemi muscolari. La temperatura ideale da impostare è circa di 5/6 gradi in meno rispetto a quella esterna.

Ultimo consiglio: tenete il condizionatore pulito affidandovi a dei pulitori professionisti. Un condizionatore sporco tende a funzionare male, consumando di più e emettendo cattivi odori.