Congedi di paternità 2022: ecco chi avrà 20 giorni

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
21/08/2022

Secondo le normative vigenti, il congedo di paternità da essere utilizzato obbligatoriamente è di 10 giorni, ma in alcuni casi specifici può essere portato fino a 20. Dal 13 Agosto infatti sono cambiate le regole: vediamo chi potrà usufruire dell’aumento dei giorni di congedo nel 2022.

bebe-gaed2e2621_1920

Il nuovo regolamento stilato il 13 Agosto 2022 ha stabilito che il congedo di paternità può essere esteso fino a 20 giorni, ma non per tutti. Il decreto è intervenuto anche sul congedo di maternità, che ha subito delle modifiche nella durata. Le modifiche derivano da una direttiva europea, che è stata recepita il 30 Giugno 2022.

Vediamo i dettagli della vicenda e quali sono i casi in cui spetta l’aumento del congedo parentale.

Congedo di paternità: quando viene esteso a 20 giorni?

Bebè

Il nuovo regolamento ha stabilito che il congedo di paternità sarà portato a 20 giorni, ma solo nel caso di parto plurimo. I 10 giorno standard erano infatti previsti nei casi di: parto, adozione o affidamento avvenuti prima del 13 agosto 2022. Con il nuovo regolamento invece, in caso di parto plurimo il congedo passa da 10 a 20 giorni. Si ricorda che il congedo di paternità è obbligatorio.

Spetta alle seguenti categorie: lavoratori dipendenti, privati e pubblici, anche in caso di adozione e affidamento come abbiamo evidenziato in precedenza. Restano esclusi dunque i padri lavoratori autonomi e quelli iscritti alla Gestione Separata. Ai neo papà spetta il 100% della retribuzione, considerando esclusivamente le giornate lavorate.

Congedo di paternità: come presentare la domanda

bebe-gaed2e2621_1920

Per utilizzare il congedo di paternità obbligatorio è necessario presentare una domanda al proprio datore di lavoro, in quanto come detto il genitore deve essere titolare di un rapporto di lavoro dipendente. Il pagamento può avvenire sia per conguaglio, ma anche tramite l’Inps. Vediamo le modalità nel dettaglio:

  • in caso di pagamento a conguaglio il padre lavoratore dipendente del settore privato deve comunicare in forma scritta al datore di lavoro i giorni di congedo di paternità obbligatorio.
  • in caso di pagamento diretto da parte dell’Inps, la domanda deve essere presenta online all’Istituto attraverso il servizio dedicato.