Congedo di paternità obbligatorio: le novità

20/10/2021

Il governo annuncia la svolta sull’obbligo del congedo di paternità, che viene inserito in un lasso di tempo che va dai 10 giorni ai 3 mesi. La notizia è giunta dalla Ministra per la Famiglia Elena Bonetti, con il fine di rafforzare il principio della parità di genere. 

Bambini

E’ notizia dell’ultim’ora il fatto che il congedo parentale per paternità viene alzato a 3 mesi, invece dei 10 giorni previsti in precedenza. La norma viene annunciata da Elena Bonetti, del Ministero per la Famiglia, che ha previsto tale norma per la parità di genere.

La riforma fa parte del Familt Act, che attende ancora il benestare della Camera e del Senato, facente parte della riforma dell’intero sistema dei congedi parentali.

Il congedo di paternità obbligatorio viene alzato a 3 mesi

Papà


Leggi anche: Green pass obbligatorio al lavoro: quando si può accedere senza?

La Ministra Bonetti ha annunciato con gioia l’innnalzamento del congedo di paternità obbligatorio a 3 mesi, facente parte delle riforme orientate al sostegno del sesso femminile. La comunicazione non a caso è avvenuta in concomitanza della firma del programma “Zero Gender Gap“, sottoscrittto da 30 grandi aziende italiane ed internazionali.

Queste le parole della Ministra Bonetti: “Il governo si è già impegnato e continuerà a impegnarsi per garantire il congedo di paternità obbligatorio oltre i 10 giorni previsti. Nel Family Act si prevede fino a 3 mesi di congedo di paternità con un aumento graduale, ma l’importante è parificare la responsabilità maschile a quella femminile“.

Cosa prevede la nuova norma sui congedi parentali?

Papà

Il provvedimento sui congedi parentali obbligatori, sarà forse attivo già dal 2022. Stando alla normativa vigente, il congedo di paternità va ad aggiungersi a quello di maternità, dunque è alternativo e aggiuntivo.

La modifica del periodo di fruizione del congedo rappresenta una svolta essenziale nel percorso intrapreso dalle istituzioni volto a ridurre il Gender Gap. Vanno comunque ancora specificati i confini e le tempistiche con il quale tale passaggio avverrà. Si auspica che questo sia graduale e non eccessivamente repentino.

Mattia Anastasi
  • Laureato in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
  • Laureando in Finanza e Metodi Quantitativi per l'Economia curriculum in Assicurazioni
  • Esperto in: Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica