Congedo parentale, un mese in più nel 2023: cosa cambia?

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
21/12/2022

Congedo parentale, novità in arrivo dal 2023. Nella Manovra che verrà approvata nei prossimi giorni è previsto un mese facoltativo in più retribuito all’80%, che potrà essere utilizzato dai genitori fino al sesto anno di vita del bambino. Vediamo nel dettaglio cosa dovrebbe cambiare dal prossimo anno.

father-son-spending-time-together

Grandi novità in arrivo per il congedo parentale, il periodo di astensione facoltativo dal lavoro concesso ai genitori per prendersi cura del bambino nei suoi primi anni di vita e soddisfare i suoi bisogni affettivi e relazionali. Da quanto emerge, infatti, con la Legge di Bilancio 2023 verrà introdotto un ulteriore mese facoltativo retribuito all’80%.

Vediamo nel seguente articolo cosa dovrebbe cambiare dal 1° gennaio.

Congedo parentale 2023: un mese in più per i genitori

smiling-adorable-teenage-girl-babysitting-little-boy-giving-him-piggyback-ride-at-home-joyful-young-mother-riding-her-sweet-baby-son-on-back-enjoying-nice-time-together-indoors-having-fun

Secondo quanto disposto dalla nuova Manovra, partire dal 1° gennaio 2023 i genitori che richiederanno il congedo parentale potranno beneficiare di un mese facoltativo aggiuntivo, retribuito all’80% ed utilizzabile fino al sesto anno di vita del bambino.

Confermata, invece, la durata di 10 mesi complessivi tra i due genitori, da utilizzare entro i primi 12 anni di vita del bambino e ripartiti nel seguente modo:

  • sei mesi continuativi o frazionati per la madre lavoratrice dipendente;
  • sei mesi continuativi o frazionati al padre lavoratore dipendente, che possono diventare sette in caso di astensione dal lavoro per un periodo continuativo o frazionato di almeno tre mesi (il congedo complessivo, in quest’ultimo caso, sale a 11 mesi).

Il genitore solo, invece, ha un periodo massimo di 11 mesi.

Ricordiamo che durante il congedo l’indennità è pari al 30% della retribuzione media giornaliera entro i 12 anni di età del bambino e per un periodo massimo di nove mesi. Per i mesi di congedo oltre il nono, l’indennità è prevista al 30%, ma solo se il reddito individuale del genitore richiedente è inferiore a 2,5 volte l’importo annuo del trattamento minimo di pensione.

Congedo parentale 2023: come richiederlo

young-woman-breast-feeding-toddler-son-and-sitting-on-mat-min

La domanda per il congedo parentale va presentata all’INPS prima dell’inizio del periodo di congedo richiesto, poiché, da normativa, vengono pagati solamente i giorni di congedo fruiti successivamente alla presentazione della domanda. La richiesta può essere inviata:

Le lavoratrici e i lavoratori possono presentare la richiesta di congedo parentale online all’INPS attraverso il servizio dedicato. In alternativa, è possibile fare domanda:

  • al contact center dell’INPS, al numero 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile;
  • agli enti di patronato e agli intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.