Contributi a fondo perduto: come controllare il pagamento

23/06/2021

Contributi a fondo perduto: bonifici partiti il 22 giugno. Il pagamento può avvenire tramite bonifico o credito d’imposta: per verificare se sia avvenuto o meno è necessario entrare nell’apposita sezione sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Vediamo insieme come eseguire la procedura.

Contributi a fondo perduto: dal primo decreto Sostegni le partite IVA possono scegliere fra il credito d’imposta e il bonifico accreditato sul conto corrente.

Il comunicato stampa congiunto MEF – Agenzia delle Entrate ha confermato che il 22 giugno sono iniziati i versamenti dei contributi: i pagamenti predisposti ammontano a 5,2 miliardi di euro tra crediti d’imposta e bonifici.

Per controllare se il pagamento sia avvenuto o meno è necessario accedere al portale Fatture e corrispettivi sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Vediamo insieme come fare.

Come controllare il pagamento

2800agenzia-entrate

I pagamenti relativi ai contributi a fondo perduto automatici previsti dal decreto Sostegni bis sono attesi da milioni di partite IVA. Gli importi e le modalità di erogazione (bonifico o credito d’imposta) sono le stesse del primo contributo a fondo perduto.


Leggi anche: Partite IVA, nuovi contributi a fondo perduto: requisiti e come ottenerli

Per controllare se e quando è avvenuto il pagamento è necessario accedere al portale Fatture e Corrispettivi sul sito dell’Agenzia delle Entrate e cliccare sulla sezione “Contributo a fondo perduto – Consultazione esito”.

Oltre allo stato della domanda, si può verificare l’elenco delle istanze presentate, la data dell’accredito sul conto corrente, l’esito di elaborazione e il periodo in cui è stato emesso il mandato di pagamento.

Chi può controllare l’avvenuto pagamento

office-with-documents-and-money-accounts (3)-min

Coloro che possono controllare l’effettiva erogazione del pagamento e lo stato della domanda sono sia gli intermediari abilitati sia i titolari di partita IVA beneficiari del bonus. Nello specifico, i soggetti che possono fare questa verifica sono:

  • coloro che sono abilitati al Cassetto fiscale del richiedente;
  • coloro che possiedono la delega “Consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche e dei loro duplicati informatici”;
  • coloro che dichiarano, nell’istanza, di possedere una delega apposita da parte del richiedente (in questo caso la presentazione si può effettuare soltanto tramite software di compilazione e successivo invio tramite il Desktop telematico).