Contributi a fondo perduto per attività chiuse: importi, requisiti e beneficiari

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
10/10/2021

Il Governo ha istituito delle somme a fondo perduto per tutti gli esercenti che hanno dovuto chiudere la propria attività lavorativa, in particolare a seguito dell’emergenza pandemica. Analizziamo la norma per vedere a chi spettano, a quanto ammontano e quali sono i requisiti per richiedere i contributi.

Discoteche

Il fondo perduto per le attività chiuse è stato istituito grazie al decreto Sostegni bis, che mette a disposizione delle somme a fondo perduto in base al possesso di determinati requisiti.

Si attendeva solo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo del MISE, che è finalmente avvenuta mercoledì 7 ottobre e che stabilisce i requisiti e gli importi delle somme erogate.

Fondo perduto attività chiuse: chi sono i beneficiari?

Discoteche

Il provvedimento mette a disposizione di una determinata categoria di contribuenti ben 140 milioni di euro da erogare a fondo perduto, ossia senza restituzione.

Il decreto pubblicato dal MISE ha predisposto tutta una serie di requisiti che i contribuenti devono rispettare per ottenere gli aiuti a fondo perduto. Questi sono:

  • soggetti che svolgono come attività prevalente discoteche, sale da ballo night-club e similari;
  • alla data di entrata in vigore del decreto legge 25 maggio 2021 svolgono un’attività riferita ai codici ATECO 2007 indicati nell’allegato 1 del decreto attuativo, e che sono state chiuse per almeno 100 giorni tra il 1° gennaio 2021 e la data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto legge 25 maggio 2021 (e con partita IVA attiva in tale data);
  • essere residenti o stabiliti del territorio dello Stato;
  • non essere già in difficoltà economica al 31 dicembre 2019.

Le somme spettanti ai beneficiari

cash soldi pagamenti

Il decreto fissa anche gli importi spettanti agli esercenti. I proprietari di sale da ballo, night club e discoteche, hanno diritto a circa 25 mila euro di contributi. Per tutti gli altri contribuenti sono previste le seguenti somme:

  • 3.000 euro per gli esercenti con ricavi e compensi fino a 400.000 euro o soggetti di nuova costituzione con ricavi/compensi pari a zero;
  • 7.500 euro per soggetti con ricavi e compensi fino a 1 milione di euro;
  • 12.000 euro per i soggetti con ricavi e compensi oltre 1 milione di euro.