Criptovalute, crollo sui mercati: quali sono le cause?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
20/11/2021

Sono giornate nere per le principali criptovalute in circolazione, che negli ultimi giorni hanno tutte fatto segnare segni negativi sul mercato. Da Bitcoin a Ethereum fino a Dogecoin il crollo del mercato non si ferma. Cerchiamo di capire le motivazioni di questo crollo di mercato.

Bitcoin

Sta volgendo al termine una delle settimane peggiori per le criptovalute, in termini di performance di mercato. Ad oggi, Bitcoin ha subito un crollo di addirittura l’11%, seguita a ruota da Ethereum che ha registrato un -8%. Ma le brutte notizie non si fermano qui; infatti, moltissime altre criptovalute hanno segno negativo in borsa, da Dogecoin a Shiba Inu.

Ma quali sono le ragioni dietro a questo crollo di mercato? Scopriamolo insieme!

Criptovalute: i motivi del crollo di mercato

coins-bitcoin-and-litecoin-against-the-background-of-europe-and-the-european-flag-the-concept-of-virtual-money-close-up-min

Le notizie recenti sulle criptovalute mostravamo andamenti positivi, con addirittura Bitcoin che aveva di recente raggiunto il suo valore massimo, circa 65 mila dollari per un bitcoin. Solitamente attendersi delle correzioni di mercato è auspicabile in concomitanza di valori massimi, ma un crollo come quello cui si è assistito negli ultimi giorni è assai strano. Ma facciamo chiarezza e cerchiamo di scovare le motivazioni.

Uno dei massimi esperti del settore, Matthew Dibb ha dichiarato che

“Mancano notizie e si tratta di pura vendita di spot e di alcune aggiunte di vendita allo scoperto. Al di fuori di questo, non ci sono novità significative”.

In effetti vi potrebbero essere dei driver che stanno causando tali vendite, come ad esempio lo stop cinese al mining e alla seguente eliminazione delle criptovalute dal proprio territorio.

Le altre potenziali cause

bitcoin-2730220_1280

Allargando gli orizzonti e soffermandosi su motivazioni macroeconomiche, si possono includere tra le cause il momentaneo indebolimento del dollaro. La moneta di riferimento mondiale e di molte cripto si sta indebolendo e questo potrebbe aver causato effetti negativi sui mercati.

Inoltre la dilagante inflazione, che sta colpendo tutte le economie su scala mondiale, potrebbe aver causato rallentamenti nei processi di trading delle criptovalute e da questi processi di vendite allo scoperto sui mercati.

Sicuramente lo scenario è in continua evoluzione e, per comprenderne a pieno le cause, ci sarà bisogno ancora di qualche tempo.