Criptovalute: quanto sono rischiose per investire?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
26/06/2022

Continua il momento estremamente negativo delle criptovalute, con il valore degli asset in caduta libera rispetto a circa un anno fa. Si stima che siano andati in fumo da allora circa 2 mila miliardi di dollari di investimenti in criptovalute, causati soprattutto dalla crisi del settore tecnologico.

Bitcoin

Sono sempre più disincentivanti gli investimenti nelle principali criptovalute presenti nel mercato: da Bitcoin fino ad Ethereum, si sta assistendo ad una vera e propria debacle, che ormai va avanti dal mese di Novembre. Di recente, stanno pesando molto sulla caduta dei mercati di riferimento, le decisioni prese dalla Fed, in particolare quella di alzare i tassi d’interesse.

Attenzione anche alle speculazioni della finanza decentralizzata: approfondiamo insieme la questione.

Criptovalute: valore a picco da Novembre

bitcoin-4353069_1920

Se si analizzano i dati da Novembre 2021 ad oggi, si nota come le criptovalute si siano via via sgonfiate, fino a raggiungere i valori più bassi mai registrati. Nel weekend appena passato sembrava che gli asset fossero in lieve risalita, in particolare nella giornata di venerdì, ma questo non basta. Nella giornata del 18 Giugno 2022, Bitcoin ha rischiato di scendere sotto quota 18 mila dollari.

Queste dinamiche stanno rendendo gli investimenti settoriali assai complessi, data la grande incertezza e il rischio di perdere gran parte del capitale investito.

Criptovalute: Bitcoin tenta la stabilizzazione

bitcoin-3890350_1920

A tentare di risollevare il morale degli appassionati del mondo cripto, c’è Bitcoin che nonostante il tonfo della scorsa settimana, nel weekend appena concluso ha fatto registrare valori in apparente stabilizzazione. Ma affinché i mercati ritornino sui livelli precedenti, è necessario che gli interventi delle banche centrali europea e statunitense abbiano gli effetti sperati.

Dopo anni di misure espansive, il ritorno a politiche monetarie restrittive non è stato accolto al meglio dai mercati, come fisiologicamente intuibile. Ecco perché con prezzi così bassi, tentare un azzardo sulle criptovalute potrebbe non essere alquanto folle: bisogna però lasciar correre l’incertezza.