Crisi energetica: nuovi aiuti dal governo

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
27/03/2022

In arrivo il documento economia e finanza direttamente dal governo, con cui si spiega la situazione economica dell’Italia e si espongono le misure da prendere per correggere i problemi. Vediamo dunque quali saranno gli aiuti anti rincari e tutte le altre misure che prenderà il governo.

Energia

Il DEF (documento di economia e finanza) potrebbe arrivare in anticipo rispetto a quanto previsto ex lege. La scadenza di fatti è prevista per il 10 Aprile come di consueta, ma quest’anno, data l’eccezionalità della crisi, è possibile che il documento venga predisposto già a partire da giovedì della prossima settimana.

Vediamo insieme cosa conterrà e quali aiuti anti rincari ha previsto il governo.

Economia: l’impatto dello scontro in Ucraina

Italian PM Draghi attends a press conference

La prima analisi dell’esecutivo si basa sull’impatto che lo scontro in Ucraina sta avendo ed avrà nei prossimi mesi sull’economia italiana e non solo. L’impatto principale sarà sul PIL del Bel Paese, dove vi sarà un vistoso ribasso rispetto alle stime iniziali. Se infatti la crescita del PIL italiano veniva collocata al 4,7%, secondo le stime più ottimistiche ad oggi dovrebbe aggirarsi intorno al 3%.

Dopo che il pericolo pandemia, o quanto meno la sua incidenza sull’economia, sembrava essere quasi risolta, il nuovo scenario geo-politico seguente lo scontro in Ucraina sta creando non poca incertezza sulle economie e sui mercati internazionali.

Quali misure prenderà il governo?

Crisi energetica: nuovi aiuti dal governo

Cerchiamo ora di capire quali misure adotterà il governo per tentare di limitare la crescita eccessiva dei prezzi al consumo, dell’energia e dei carburanti. Oltre alle già presenti risorse messe i campo per le bollette e per il caro carburanti, la volontà del governo non è quella di eseguire un nuovo scostamento di bilancio.

La forte incertezza della situazione però ha fatto rivedere i piani, tanto che si è deciso che solo dopo aver compilato il Def adeguatamente si prenderà la decisione definitiva sullo scostamento di bilancio. Le eventuali risorse utilizzate andranno a finanziare sostegni e garanzie sui prestiti per le realtà più in difficoltà.