Da giugno le pensioni saranno più alte: schema completo degli aumenti

Giugno 2024 si annuncia come un mese positivo per i pensionati italiani, che vedranno il loro cedolino arricchirsi grazie a recenti aggiustamenti fiscali e incrementi legislativi.

La riforma delle aliquote IRPEF, che ha introdotto una struttura semplificata di sole tre aliquote, e l’aumento del 5.4% stabilito dalla legge di Bilancio 2024 porteranno a un incremento tangibile nelle pensioni a partire da questo mese.

Pensioni giugno 2024: dettagli degli aumenti

La riforma IRPEF ha portato a una nuova aliquota del 23% per i redditi fino a 28 mila euro, beneficiando direttamente i pensionati con un aumento mensile differenziato a seconda del reddito lordo:

  • Un pensionato con €1,400 lordi al mese vedrà un aumento di €5.
  • Per €1,600 lordi, l’aumento sarà di €9 al mese.
  • Con €1,800 lordi, l’incremento sarà di €13 mensili.
  • Un reddito di €2,000 al mese porterà a un beneficio di €17.
  • Infine, con €2,153 mensili, il pensionato riceverà €20 in più al mese, sommando a €260 annui.

Questi incrementi, sebbene non eccessivi, offrono un certo sollievo nel contesto economico attuale, spesso complicato per i pensionati.

Una piccola riforma IRPEF sulle pensioni

La riforma delle aliquote IRPEF mira non solo a semplificare il sistema fiscale ma anche a renderlo più equo. La struttura ridotta delle aliquote dovrebbe garantire che i benefici degli aumenti siano distribuiti in modo più equo, con una percentuale maggiore di incremento destinata ai pensionati con redditi più bassi.

Il panorama pensionistico di giugno mostra dunque segni di un miglioramento significativo, volto a riconoscere il valore e il contributo degli anziani nella società. Con l’attuazione di queste modifiche, i pensionati possono guardare al futuro con maggiore ottimismo e sperare in una continuità di supporto e riconoscimento del loro ruolo fondamentale all’interno della comunità.