Da Maggio arriva un bonus da 250 euro per una categoria di lavoratori

Il governo italiano ha annunciato che, a partire da maggio 2024, le lavoratrici madri impiegate nella pubblica amministrazione avranno diritto a un bonus di 250 euro, un’iniziativa precedentemente riservata solo alle dipendenti del settore privato.

Questo bonus, parte di un più ampio sforzo per supportare le famiglie con figli a carico, consiste in una riduzione dei contributi previdenziali e può aumentare lo stipendio netto delle beneficiarie fino a 250 euro mensili.

Per accedere a questo beneficio, le lavoratrici devono avere almeno due figli fiscalmente a carico e un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Dal 2025, il requisito minimo di figli a carico salirà a tre. In precedenza, le dipendenti della pubblica amministrazione erano escluse da questo bonus a causa di limitazioni tecniche nel sistema NoiPA, ma recenti aggiornamenti hanno reso possibile l’accesso al beneficio per questa categoria di lavoratrici a partire da maggio, con la possibilità di richiedere anche pagamenti arretrati da gennaio 2024.

Limite di 3000 euro all’anno

L’importo massimo del bonus è limitato a 3000 euro annui e richiede la presentazione di un’autocertificazione con i dati dei figli per l’approvazione. Per le docenti, i tempi per la richiesta al Ministero dell’Istruzione differiscono: coloro che non hanno ancora presentato domanda potranno ricevere solamente gli arretrati, fino a un massimo di 1250 euro.

Questa misura rappresenta un importante passo avanti verso l’uguaglianza di genere nel lavoro e offre un sostegno significativo alle madri lavoratrici nella gestione delle responsabilità familiari, contribuendo a un maggiore equilibrio tra vita professionale e personale.